Video. Giornalista sulla guardalinee donna: “Uno schifo, una cosa inguardabile”

“E’ uno schifo vedere una guardalinee donna”, è stato questo il commento fuori luogo e sessista di Sergio Vessicchio, telecronista di Canale Cinque Tv. Il giornalista ha esternato il suo pensiero sulla “qualità e la capacità” delle donne nel calcio, prima del fischio di inizio tra Agropoli e Sant’Agnello, nel campionato di Eccellenza campana.

Un pensiero, quello del giornalista, che ha scatenato le polemiche del web, non solo da parte delle donne ma anche da uomini che lo hanno accusato di essere poco professionale e culturalmente medievale. La vittima di questa esternazione poco carina è Annalisa Moccia, appartenente alla sezione Nola. Ma il giornalista non si è trattenuto nel dare la sua personale e discutibile opinione, con un discorso che ha coinvolto anche istituzioni massime alle quali non ha risparmiato critiche: “Le donne che vengono a fare gli arbitri sono una barzelletta della Federazione. Una cosa impensabile e impresentabile”.

Dopo il clamore mediatico causato, il giornalista non ha fatto nessun dietro front, ma anzi sulla sua pagina Facebook ha ribadito il suo drastico e bigotto pensiero:

“Ritengo personalmente che far #arbitrare le #donne nel #calcio sia sbagliato per molti motivi,quindi confermo il mio pensiero. Perchè tutti questi squallidi moralisti non fanno una battaglia per farle giocare insieme ai maschi?La vera discriminazione è questa”. E i commenti a questo post coraggioso, sia a pensarlo che a scriverlo, sono stati nettamente contrari e accusatori verso questa considerazione del giornalista.

Ancora una volta, in un periodo in cui il mondo maschilista è tornato con ferocia discriminatoria a scagliarsi contro le donne dello sport, questo nuovo e bruttissimo episodio inasprisce questa battaglia volta alla parità dei sessi, che non porterà mai ad una conclusione felice.

Video:

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più