Comicon 2019, protagonisti assoluti i cosplayer. I vincitori delle Cosplay Challenge

Il Napoli Comicon è la seconda fiera del fumetto più grande in Italia e la prima edizione risale al 1998, la cui sede era il Castel Sant’Elmo, fin quando,  le persone che volevano visitarla cominciarono ad aumentare e la fiera venne ufficialmente spostata nel 2012 alla Mostra d’Oltremare a Fuorigrotta.

Il Comicon è dunque giunto quest’anno alla 21esima edizione e ha visto partecipare molti ospiti, tra cui Cristiana dell’Anna e Arturo Muselli, tra i protagonisti della serie Gomorra, ma anche ospiti internazionali come Jerome Flynn celebre per il ruolo di Bronn nella serie Il Trono di Spade.

Oltre ai numerosi eventi a cui si può partecipare, dalle gare di fumetti agli incontri con attori famosi di film o serie tv internazionali, il Napoli Comicon è famoso proprio per i suoi cosplayer, che ogni anno accorrono in numerosi per sfoggiare i loro costumi, nella speranza che qualcuno riconosca il personaggio che interpretano.

Il termine Cosplay è l’insieme delle parole costume (costume) e play (gioco) e indica la pratica di travestirsi da un personaggio dei fumetti, videogiochi, anime ed emularne i comportamenti, proprio per immedesimarsi nel personaggio.

Al Napoli Comicon infatti ci si ritrova ad osservare personaggi dei fumetti, dei videogiochi, delle fiabe o dei film in carne ed ossa e tutti riuniti nello stesso luogo; ma dietro quei costumi ci sono dei ragazzi, degli uomini e delle donne, che con tanto duro lavoro e dedizione, grazie a quel travestimento, riescono a regalare un sorriso a grandi e piccini.

Questo loro duro lavoro viene però non solo premiato con dei sorrisi o delle foto, ma nell’ultima giornata del Comicon, che quest’anno è stata il 28 aprile, vi è una vera e propria gara di Cosplay, la Cosplay Challenge. Il vincitore otterrà come premio un viaggio per due persone a Parigi, in occasione dell’ECG 2019.

 

Oltre alla Cosplay Challenge, ci sono state, nel corso di queste quattro giornate, anche altre sfide tra cosplayer come:

La Cosplay Challenge Kids, tenutasi il 25 aprile che ha visto partecipare i più piccoli su un palco d’eccezione: un ring costruito davanti l’area dedicata ai bambini. A vincere è stata una piccola Daenerys, la madre dei draghi nella serie Il Trono di Spade.

La Cosplay Challenge videogiochi, tenutasi sempre il 25 aprile, invece era dedicata a tutti coloro che hanno indossato i panni di personaggi dei videogiochi. Giovanni Petrazzuolo ha vinto per il miglior sartoriale con Reaper da Overwatch. Le migliori coppie sono state Ottavia D’Agostino e Salvatore Tabbi con Ada Wong e Leon Kennedy da Resident Evil 2, Monica e Marina De Stefano che hanno vestito i panni di Symmetra e Mercy da Overwatch e Alessandra Colonna che interpreta Kayle da League of Legends.

Sabato 27 aprile invece si è tenuta la sfida dei cosplayer professionisti, denominata Cosplay Challenge PRO. Il Premio EuroCosplay Championship 2019 è stato vinto da Nadia Baiardi che parteciperà come rappresentante italiana alle finali europee dell’EuroCosplay Championships 2019, mentre il Premio New York Comic Con è stato vinto da Massimiliano Catalano.

Conclude invece la serie di sfide tra cosplay, la Cosplay Challenge, aperta a tutti.

Potrebbe anche interessarti