Video. Una speranza per Napoli, figlio di boss scende in piazza: “La camorra fa schifo”

Nella giornata di ieri, Napoli si è stretta attorno al dolore della famiglia di Noemi Staiano, colpita da un proiettile in Piazza Nazionale in un agguato di camorra. La città partenopea ha organizzato una marcia contro la camorra a cui hanno partecipato migliaia di persone. Tra queste, come dimostrano i filmati, c’era anche Antonio Piccirillo, figlio di Rosario Piccirillo, un boss di Napoli. Antonio, applaudito dalla folla, ha così commentato l’accaduto: “Io sono Antonio Piccirillo, figlio di Rosario Piccirillo, che purtroppo ha fatto delle scelte sbagliate nella vita, è un camorrista“.

Così dicono i giudici, i giornali e le istituzioni. Io voglio dare un messaggio ai figli dei camorristi, come me. Amate sempre i vostri padri, ma dissociatevi dai loro stili di vita, perché sono stili di vita che non pagano. Non danno nulla. Ci avete pregiudicato per tutta la vita e se noi non faremo passi in avanti in positivo rimarremo in questa cultura priva di etica. La camorra ha fatto sempre schifo, è sempre stata ignobile. Vi ringrazio e vi dico che le persone per bene vengono ripagate, i camorristi no“.

I napoletani hanno apprezzato molto questo gesto, la volontà di Antonio di mettersi in prima linea in una marcia contro la camorra, contro i camorristi e contro chi ha fatto del male alla piccola Noemi. Antonio non smetterà mai di amare il padre perché gli è sempre stato accanto, ma non gli perdonerà mai il suo stile di vita e non sarà mai come lui.

Potrebbe anche interessarti