“I soldi o prendiamo le tue figlie”: infermiera minaccia un medico, ma viene tradita da un complice

corsia ospedali
corsia ospedali

“Dacci i soldi altrimenti prendiamo le tue figlie”, così un gruppo di delinquenti hanno cercato di intimidire un medico per avere in cambio un’ingente somma di denaro. Tutto è cominciato circa un mese fa, fin quando la Squadra mobile di Caserta non è riuscita a fermare i colpevoli e ad evitare il peggio.

Dalla ricostruzione dei fatti fornita da “Il Mattino”, l’obiettivo dei malviventi era un medico in servizio alla Clinica Villa fiorita di Capua. L’uomo sarebbe stato “scelto” da un’infermiera che lavora nella stessa clinica, vedendo nel medico, la sua “buona opportunità” di recuperare i tanti soldi spesi dopo l’acquisto di un’auto che le avrebbe prosciugato il conto in banca. E per mettere in atto il suo piano si è rivolta grazie ad alcune conoscenze a due uomini napoletani, pregiudicati e ben noti alle forze dell’ordine per “imbrogli” camorristici che si sarebbero da subito messi al servizio dell’infermiera.

Ad aiutare la Polizia nelle indagini è stata proprio una delle persone coinvolte in questa organizzazione volta al ricatto. O meglio la conoscente alla quale l’infermiera si sarebbe rivolta e amante di uno dei due uomini pregiudicati coinvolti. Infatti la donna preoccupata di quello che stava organizzando l’amica infermiera ha rivelato, una volta contattata dagli inquirenti, quello che era il piano.

Per fortuna il gruppo di criminali è stato fermato, non solo grazie alla donna che ha aiutato le indagini ma grazie anche alle intercettazioni telefoniche, in quanto il medico vittima di questo gioco pericioloso aveva subito denunciato tutto alle autorità e per tale motivo il telefono era stato messo sotto controllo.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più