Video. Striscia la Notizia racconta gli illeciti dei tabacchi napoletani

Tabaccai striscia la notizia

Nell’ultima puntata del programma televisivo “Striscia la notizia” il referente Luca Abete ha realizzato il servizio, intitolato “Tabaccai furbetti“, riguardo a determinate tabaccherie della provincia di Napoli, precisamente a Quarto, le quali non risultano perfettamente in regola. Infatti, nel corso del videoclip Abete mostra come diversi distributori automatici eroghino sigarette anche senza l’introduzione obbligatoria di un documento che testimoni la maggiore età, come previsto dalla legge.

Una volta tornato nelle tabaccherie precedentemente analizzate, Luca Abete fa presente il problema ai proprietari, tra i quali c’è chi afferma che il guasto sarà presto risolto, ma soprattutto c’è chi giustifica questa scelta con spiegazioni improbabili.
Tra le più citate, quella dell’inefficienza da parte dello Stato nel tutelare la categoria dei tabaccai di fronte all’espansione del contrabbando. Molti seguaci napoletani del programma televisivo hanno manifestato il loro appoggio nei confronti di chi cerca in qualunque modo di affrontare il problema della vendita illegale di tabacco, sostenendo anche che è troppo facile puntare il dito contro i tabaccai, quando il contrabbando risulta il problema più grave e, probabilmente, troppo pericoloso per chi s’impegna a manifestare tali situazioni nel napoletano.

Alla luce di tale situazione, nonostante la reale e difficile questione del commercio abusivo, una motivazione simile risulta troppo comoda e dubbia per essere accettata serenamente.
Molti altri tabaccai napoletani sono costretti a subire i medesimi problemi, ma continuano ad operare regolarmente e onestamente. Inoltre, non è neppure tollerabile l‘indifferenza nei confronti dei più piccoli che, tentati da questa libertà, non sarebbero più tutelati come dovrebbero.

Per poter guardare il video di Striscia cliccate qui (il video che ci interessa è il primo della seconda pagina dei servizi).

 

Potrebbe anche interessarti