Video. Matrimonio blocca illegalmente un’intera strada a Montesanto

Ci risiamo! Di nuovo un caso di occupazione del suolo pubblico senza autorizzazione. È successo a Napoli, nel quartiere Montesanto, dove i festeggiamenti di un matrimonio hanno invaso il suolo pubblico, limitando la circolazione di passanti e abitanti del posto.

Una strada del quartiere è stata chiusa e ricoperta di un tappeto bianco, che due novelli sposi hanno attraversato con tanta nonchalance, come se si trattasse del viale privato di casa propria.

Episodi del genere sono frequenti, soprattutto nelle zone del Napoletano: proprio qualche settimana fa si era improvvisato un concerto neomelodico che aveva bloccato un quartiere di Bagnoli, e ci si chiede dove sia finito il senso civico e il rispetto per il prossimo.

“Ci è stato inoltrato un video, girato a Montesanto, che mostra un’intera strada chiusa, con tanto di tappeto bianco sulla carreggiata, per permettere il passaggio di una coppia di sposi. Il tutto, ovviamente, senza alcuna autorizzazione e in totale spregio delle regole. Ancora una volta ci troviamo a fare i conti con comportamenti del genere, attuati da persone che si ergono a padrone della città senza alcuna considerazione dei diritti altrui, attuando dei comportamenti prepotenti e incivili”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, il consigliere del Sole che Ride alla II Municipalità Salvatore Iodice e l’assessore all’Ambiente alla II Municipalità Roberto Marino. “Tale modo di fare – proseguono – rappresenta anche un potenziale problema per il passaggio dei mezzi di soccorso o delle forze dell’ordine. Cosa sarebbe successo se fosse sopraggiunta un’ambulanza? Quanto tempo sarebbe servito a liberare la strada e permettere il passaggio del mezzo? Comportamenti del genere sono assolutamente inaccettabili e privi di qualsiasi giustificazione. Una cerimonia non autorizza di certo a fare il proprio comodo a dispetto del prossimo”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più