Università Federico II vince una competizione globale: sarà centro di ricerca per la fertilità

L’Universita Federico II di Napoli è stata scelta dalla Merck, multinazionale scientifica e tecnologica nei settori della sanità,  al termine di una competizione globale, aperta a tutte le università del mondo. L’Ateneo napoletano ospiterà la ricerca per due progetti innovativi: Il Fertility Training Center per la formazione di ginecologi ed embriologi provenienti da tutto il mondo e un hub tecnologico, che include tutte le attività di innovazione della divisione Fertility.

Con un investimento di oltre 3 milioni si cecherà di promuovere l’innovazione nel campo della fertilità, così da fornire pricedure più sicure e più solide per favorire la fertilità.

La rete coinvolgerà medici, ricercatori, embriologi e ingegneri per testare approcci che aiutino a sviluppare e tradurre la ricerca e le tecnologie nella pratica clinica. Come Repubblica.it conferma, l ‘Università degli Studi di Napoli Federico II offrirà l’accesso ai servizi di: biosensing, impianto e inseminazione su chip, bioreattoristica, consegna di agenti bioattivi mediante nanocarrier degradabili e nanoemulsione.

Un progetto molto importante per la città di Napoli, che collaborerà con uno dei centri più importanti nel settore che sta fornendo già da tempo terapie all’avanguerdia con ottimi risultati sulla fertilità.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più