Fico visita il carcere di Nisida: chiede maggior impegno da parte dello Stato

roberto ficoNapoli – Questa mattina il presidente della camera dei deputati Roberto Fico ha fatto visita al carcere minorile di Nisida. Ha dichiarato di essere soddisfatto dal percorso all’interno del carcere svolto dai ragazzi. Ma che bisogna fare qualcosa di più per non indurli a commettere i reati che li hanno condotti lì.

Questa è la presa di posizione di Roberto Fico, che tra l’altro è napoletano di nascita e quindi tiene particolarmente a questo territorio. Secondo il presidente della camera il problema non è ciò che avviene all’interno del carcere perché i ragazzi di Nisida si contraddistinguono per tanti motivi, dal percorso musicale a quello artigianale.

Il vero problema è che bisognerebbe migliorare le strutture sociali dei comuni, soprattutto di quelli più a rischio per gestire e prevenire questi reati da parte dei minorenni. Costruire più palestre, dei cinema, dei campi di calcetto, e tutto ciò che potrebbe agevolare la vita di un ragazzo dandogli alcune valvole di sfogo. Questo è il principale problema delineato da Roberto Fico, chiede maggiore attenzione ai comuni ma anche ai quartieri più a rischio. Non bisogna abbandonare questi ragazzi al loro destino, ma bisogna indirizzarli, bisogna seguirli. Le piccole comunità di volontari che ormai si stanno costituendo in ogni quartiere non bastano per portare avanti un discorso cosi importante. Ci deve essere un intervento concreto delle autorità e del Comune.

Il presidente quindi richiede un’azione strutturata, forte, piena di passione e lungimiranza. L’obiettivo è quello di darsi un termine di 5 anni, dove dovranno essere raggiunti questi risultati se non si raggiungeranno sarà un fallimento per tutti.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più