L’incendio a Bagnoli è spento, l’avviso dell’Arpac ai residenti: “Restate in casa”

Dopo molte ore di lavoro, quattro pattuglie all’opera e diversi residenti evacuati, l’incendio divampato stamattina nel deposito di giocattoli Gerardi & Fortuna di Bagnoli è stato spento. Al momento, il livello di sostanze dannose presenti nell’aria è tale che è stato emanato un avviso dell’Arpac per i residenti che li invita a restare in casa.

Sul posto sono accorsi non solo i Vigili del Fuoco, ma anche il personale del 118, che ha prontamente soccorso i residenti, i Carabinieri e la Polizia Municipale, al fine di gestire il traffico in un’arteria dalla viabilità intensa. Anche i tecnici del Comune di Napoli si sono recati sul luogo dell’incendio, per valutare i danni complessivi subiti dalla struttura.

Gli stabili evacuati saranno oggetto di attento monitoraggio da parte di Vigili del Fuoco e tecnici per valutare danni ed eventuali problemi di staticità“, scrive Diego Civitillo, presidente della X municipalità di Napoli. Al momento, tuttavia, i danni più urgenti da affrontare sembrano quelli causati dalle sostanze tossiche che il rogo ha liberato nell’aria.

L’Arpac ha posizionato una centralina per la misurazione degli inquinanti“, annuncia Diego Civitillo, e riporta l’avviso dell’Arpac ai residenti nella zona. “Si consiglia di restare in casa e non recarsi nei pressi dell’area interessata dal rogo

Tra gli abitanti del luogo, circa cento sfollati sono stati ospitati in una chiesa vicina, la Parrocchia Sacri Cuori di Gesù e Maria. Gli evacuati, costituiti da 12 nuclei familiari in tutto, hanno ricevuto una pronta e completa assistenza. “Sono stati forniti pasti ed è stato eseguito un primo censimento. Abbiamo già allertato tutti i servizi per fornire assistenza di prima necessità.”

Anche Evdige Mariani, consigliere della X municipalità, ha colto l’occasione per ringraziare tutti coloro che sono intervenuti per limitare i danni del rogo. “Grazie all’intervento tempestivo dei vigili del fuoco e la protezione civile abbiamo evitato una vera e propria catastrofe, per fortuna nessun ferito.

Nel frattempo la municipalità si è attivata per le risorse idriche e cibo in caso si avesse bisogno, alcuni alloggeranno dai parenti altri hanno a disposizione luoghi di accoglienza ringraziando la Chiesa Sacri cuori e la Caritas del territorio. Attendiamo al più presto notizie.

Potrebbe anche interessarti