Divieto nati in Campania, la Juve contraddice la polizia e pubblica le prove

La Juventus fa una “precisazione circa la vendita dei biglietti per Juventus-Napoli del 31 agosto sul suo sito ufficiale. Per dimostrare forse che la Questura di Torino sapeva di questo divieto e per coinvolgerla nella decisione di bandire i campani dallo stadio.

Si tratta di una pubblicazione di un e-mail PEC inviata agli uffici di pubblica sicurezza in data 4 agosto 2019, che invece conferma che la decisione è stata presa dal club bianconero e non dagli organi preposti e solo comunicata successivamente alla Questura.

Juventus Football Club – scrivono – precisa che le restrizioni di vendita dei biglietti per la partita Juventus-Napoli del 31 agosto, pubblicate sul sito della società nella mattinata di ieri, sono state comunicate, tramite Posta Elettronica Certificata, agli uffici competenti in data 4 agosto alle ore 16. Le modalità di vendita dei tagliandi potrebbero subire variazioni, anche sostanziali, solamente a seguito delle determinazioni dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, che non si è ancora riunito. Di seguito il documento trasmesso in data 4 agosto“.

Potrebbe anche interessarti