Agropoli, vietato girare in costume: “È una mancanza di rispetto”

AgropoliDivieto di circolare o sostare a torso nudo, in costume da bagno o scalzi nelle aree pubbliche del perimetro urbano del Comune di Agropoli (Salerno).

Questo è il contenuto dell’ordinanza del Sindaco di Agropoli, Adamo Coppola, emanata e firmata lo scorso 10 agosto per tutelare il decoro urbano e la decenza. “L’immagine turistica di una città – afferma il sindaco Adamo Coppola – passa anche attraverso le sue regole.”

Dopo i numerosi casi segnalati dagli stessi abitanti del luogo di persone che circolano in strada in costume da bagno, a torso nudo o scalze, il primo cittadino ha dovuto prendere provvedimenti. Infatti, oltre a costituire un elemento di disagio, tale condizione incide negativamente sull’immagine della città.

Il divieto contenuto all’interno dell’ordinanza, ovviamente, non valgono per le spiagge, gli stabilimenti balneari e per le aree marine.

Invece, qualora le regole vengano violate all’interno dei centri urbani, i trasgressori del divieto saranno puniti con una sanzione amministrativa che può variare dal minimo di 125 al massimo di 500 euro (pagamento in misura ridotta pari a 250 euro).

Spetterà al comando polizia municipale e a tutte le altre forze di polizia vigilare sull’osservanza del provvedimento affinché venga tutelato il buon costume.

L’applicazione del divieto dell’ordinanza vanno “nella direzione della tutela e del miglioramento della convivenza civile e della vivibilità degli spazi pubblici” afferma il primo cittadino. Principi che “devono rappresentare un dovere per chiunque faccia parte di una comunità o sia ospite della stessa.”

“Non si può più transigere oltre rispetto alla visione di persone in costume, spesso scalze, che si recano in strada, nei negozi o in spazi comuni, come se fossero al mare. Ci vuole rispetto per sé e per gli altri”.

Potrebbe anche interessarti