Video. Vico Equense, gridano e ballano in una fontana del ‘800

fontana vico equense“L’ottocentesca fontana dei delfini di piazza Umberto I a Vico Equense utilizzata come piscina da quattro giovani balordi. Di notte si sono tuffati in acqua gridando e ballando come se fossero in un acquapark, e non in un pezzo di storia. Il tutto mentre un altro ragazzo divertito filmava la scena con il cellulare per immortalare quel goliardico e incivile momento. Inaccettabile che quattro ragazzini, probabilmente alticci, debbano deturpare un pezzo d’arte antico che fa parte della cultura della città. Il divertimento di questi giovani cialtroni, ormai, ha raggiunto livelli incomprensibili per le persone normali. Cosa c’è di divertente in un bagno in una fontana?”. Lo ha dichiarato Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi.

“Purtroppo il problema sta a monte, nell’educazione di questi ragazzi, che crescono con la credenza di poter essere liberi di fare qualsiasi cosa, a discapito di un’intera comunità. Non danno peso alle conseguenze – ha aggiunto Borrelli – avallati spesso da mancate punizioni a questi comportamenti. Per i ragazzi della fontana invieremo una nota al Municipio per chiedere che vengano subito individuati e multati duramente”.

Vico Equense

“L’ottocentesca fontana dei delfini di piazza Umberto I a Vico Equense utilizzata come piscina da quattro giovani balordi. Di notte si sono tuffati in acqua gridando e ballando come se fossero in un acquapark, e non in un pezzo di storia. Il tutto mentre un altro ragazzo divertito filmava la scena con il cellulare per immortalare quel goliardico e incivile momento. Inaccettabile che quattro ragazzini, probabilmente alticci, debbano deturpare un pezzo d’arte antico che fa parte della cultura della città. Il divertimento di questi giovani cialtroni, ormai, ha raggiunto livelli incomprensibili per le persone normali. Cosa c’è di divertente in un bagno in una fontana?”. Lo ha dichiarato Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi.“Purtroppo il problema sta a monte, nell’educazione di questi ragazzi, che crescono con la credenza di poter essere liberi di fare qualsiasi cosa, a discapito di un’intera comunità. Non danno peso alle conseguenze – ha aggiunto Borrelli – avallati spesso da mancate punizioni a questi comportamenti. Per i ragazzi della fontana invieremo una nota al Municipio per chiedere che vengano subito individuati e multati duramente”.

Pubblicato da Francesco Emilio Borrelli su Domenica 18 agosto 2019


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più