Maradona, spunta un’altra presunta figlia: “Voglio fare il test del dna”

maradona figlia

La famiglia di Maradona pare si allarghi ancora di più, essendo spuntata un’altra presunta figlia. Il suo nome è Magalì, ha 24 anni ed è anche lei argentina. A diffondere la notizia è stata la trasmissione “Live non è la D’Urso” in onda ieri sera su Canale 5.

La giovane ragazza parla ai telespettatori, racconta la sua triste storia da bambina adottata. Vengono mostrate foto in diretta, nelle quali si nota la spaventosa somiglianza tra lei e le altre due figlie del calciatore, Giannina e Jana.

Emozionata dice di aver vissuto insieme alla sua famiglia adottiva per tutto questo tempo, fino a quando ha conosciuto la sua madre biologica che le ha raccontato di averla concepita insieme a Maradona.

Queste le sue parole:Non è facile accettare una cosa del genere, elaborarla, interiorizzarla, figurati quando è un personaggio famoso come lui al mondo. Sono passati tantissimi mesi dalla notizie e ci sono ancora giorni che mi alzo al mattino e mi chiedo, ma dove sono? Che cosa sto vivendo? È una cosa fortissima, ma grazie ai miei genitori ho deciso di affrontare questo percorso e ho intrapreso questo cammino per scoprire la verità. Ho chiesto a Maradona di fare il test del DNA attraverso i giudici così come richiede la prassi in Argentina. Da Diego ho avuto la massima disponibilità al 100%, lo voglio chiarire. Gli avvocati di Maradona sono sempre stati molto disponibili, mi hanno facilitato la possibilità e dall’altro canto Diego non sapeva nulla. La madre biologica non gli aveva detto nulla quindi non sapeva della mia esistenza”.

La giovane si dimostra convinta nel voler fare il test del Dna, appunto per accertare la paternità, nel caso in cui il risultato fosse positivo, il Pibe de Oro sarebbe ancora una volta nonno, in quanto la ragazza è già mamma di un bimbo.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più