Foto. Napoli, marciapiedi di Via Caracciolo semidistrutti dal maltempo

I marciapiedi di Via Caracciolo sono semidistrutti dal maltempo delle ultime ore. A renderlo noto, il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il consigliere del Sole che Ride alla I Municipalità Gianni Caselli.

Ci è stato segnalato che la recente ondata di maltempo ha provocato dei gravi danni alla pavimentazione dei marciapiedi di via Caracciolo”, scrive il consigliere in un post sulla sua Pagina Facebook. “Numerose piastrelle si sono staccate, finendo divelte sulla sede stradale. Una situazione particolarmente critica determinata dalle forti piogge e dalle raffiche di tempo che, nelle ultime ore, si sono abbattute sulla città.

Purtroppo tale condizione ha determinato una forte criticità per i pedoni che si trovano ora a dover percorrere un marciapiedi fortemente sconnesso. Tali condizioni determinano un pericolo attuale in particolar modo per i disabili e per gli anziani che rischiano di inciampare nelle aree in cui la pavimentazione si è staccata“.

Una situazione del genere, già pericolosa in sé, diventa particolarmente incresciosa se consideriamo che interessa una delle strade più frequentate di Napoli. Del resto, il maltempo delle ultime ore non ha provocato seri danni soltanto ai marciapiedi di Via Caracciolo.

Basti pensare all’enorme pericolo al quale sono andati incontro alcuni residenti del Quartiere Sanità. Qui addirittura una grossa canna fumaria si è abbattuta su un terrazzo a causa della tormenta, insieme a una griglia per la brace. Il fenomeno ha rischiato di provocare infortuni gravissimi agli abitanti, che fortunatamente ne sono usciti illesi.

Adesso però bisognerà intervenire tempestivamente su Via Caracciolo, per evitare che i disagi creati dal maltempo aumentino ulteriormente. “Abbiamo inoltrato una nota al Comune di Napoli chiedendo di intervenire ad horas per risanare i tratti di marciapiedi che risultano danneggiati”, scrive ancora Francesco Emilio Borrelli. “Occorre eliminare quanto prima il problema in modo da evitare che qualcuno possa farsi male“.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più