Maltempo, Via Ulderigo Masoni sprofonda in una voragine: zona evacuata

Il maltempo delle ultime ore a Napoli continua a provocare danni mai visti. Una delle zone maggiormente colpite dalla tormenta è stata quella di Via Ulderigo Masoni, un’importante arteria di collegamento tra Capodichino e l’area dei Ponti Rossi.

Il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ha infatti denunciato una situazione che ha dell’incredibile. Nella strada si è aperta una voragine tale da costringere i residenti ad evacuare la zona. Questo nonostante l’area fosse stata interessata poco tempo fa dai lavori di rifacimento del manto stradale.

Siamo vicini alle famiglie sgomberate in via Ulderigo Masoni”, afferma il Consigliere Regionale dei Verdi in un post sulla sua Pagina Facebook ufficiale. “La voragine che si è aperta a centro strada ha provocato delle perdite dalla condotta del gas costringendo i vigili del fuoco ad allontanare i residenti dalle abitazioni adiacenti l’area.

Il tratto collassato era stato interessato, poco tempo fa, dai lavori di rifacimento del manto stradale. Purtroppo ancora una volta ci troviamo ad avere a che fare con risorse che vengono impegnate senza tenere conto della situazione complessiva. Che senso ha rifare il manto stradale senza intervenire su quanto c’è sotto?

Rifare il manto senza consolidare i sottoservizi equivale ad esporsi al rischio di un crollo, come del resto è poi avvenuto. Quando accadono cose del genere, oltre ai cittadini sgomberati che patiscono i problemi maggiori, c’è anche un danno per l’intera collettività che vede i propri tributi impegnati in interventi che poi, dopo pochi mesi, si rivelano assolutamente vani”.

Occorre quindi un piano di interventi completo, e non solo per le strade del napoletano. Basti pensare ai danni ingenti che hanno riportato circa 30 scuole nelle ultime ore di maltempo, e che hanno richiesto un intervento immediato del Comune. I temporali sono un fenomeno comune, ma i cittadini di Napoli non possono essere puntualmente esposti a rischi di questo genere. È bene denunciare, ma occorre soprattutto agire.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più