‘Una spiaggia per tutti’. Sit in a Napoli

 

 

"Spiagge libere per tutti", sit-in tra i bagnanti a Napoli

Tempo di mare, sole e proteste! Stamattina nella piccola spiaggia in largo Diaz e’ stato organizzato un sit in dai sostenitori del comitato ‘Una spiaggia per tutti’ da tre anni impegnati in iniziative per rendere pubblici i pochi arenili cittadini. Secondo il comitato Napoli è una città di mare ma non ha una spiaggia pubblica!
Negli ultimi vent’anni le istituzioni locali hanno creato nuovi porti (Vigliena), ampliato quelli esistenti (Mergellina), avallato quelli abusivi (Nisida). Insomma, si sono mosse per favorire gli interessi di quel 2% di napoletani che possiede una barca. Adesso è giunto il tempo di pensare a quel 98% di napoletani che possiede un costume da bagno e darsi da fare per realizzare la prima grande spiaggia pubblica cittadina.

nisida
In particolare il comitato “Una spiaggia per tutti” sostiene la possibilità di realizzare una spiaggia pubblica nel tratto che va dall’isola di Nisida al confine comunale con Pozzuoli. Questo tratto costituisce circa un decimo del litorale cittadino, prevalentemente sabbioso e facilmente accessibile, interessato da un programma pubblico di bonifica e riqualificazione.
In tal modo, sostiene il Comitato, la città recupererebbe finalmente un arenile di due chilometri e mezzo, da destinare per intero ad uso esclusivamente balneare, in cui l’accesso e la permanenza siano rigorosamente gratuiti. Uno spazio pubblico di straordinario valore ambientale da progettare ispirandosi ai migliori modelli europei, per elevare la qualità della vita dei cittadini, riqualificando così davvero l’immagine civile e turistica della città.

Potrebbe anche interessarti