Tornare a casa per le feste. Autobus da Napoli alla Sicilia a 10 euro

Free picture (Place of the bus driver) from https://torange.biz/driver-bus-place-49434

La Sicilia è una regione bellissima, ma sono sempre di più i siciliani costretti a lasciarla, alcuni per trovare lavoro, altri lo fanno per scelte di studio. Qualsiasi sia il posto in cui si emigra, una parte di cuore resta nella propria terra di origine.
Vi avevamo già parlato del difficile ritorno al sud, per le feste natalizie, dei lavoratori e degli studenti emigrati al nord Italia.

Mezzi di trasporto a prezzi esorbitanti che hanno spinto Stefano, il curatore del blog unterroneamilano, a denunciare la cosa sul web, ottenendo una soluzione per se stesso e per altri nella sua stessa condizione.
La Regione Sicilia ha avviato un’iniziativa proprio sulla scia della denuncia di Stefano, ragazzo del sud Italia, di Salerno, che vive a Milano.

Tale iniziativa, che prevede un servizio autobus straordinario a prezzi agevolati, è stata seguita e curata dal Presidente della Regione, On. Nello Musumeci e dall’AST (Azienda Siciliana Trasporti).
Le partenze straordinarie sono previste dal 21 al 24 dicembre 2019 da Milano, Roma, e Napoli, con costo del biglietto rispettivamente di 30, 20 e 10 euro.

Per quanto riguarda le corse di ritorno, sono previste dal 5 al 7 gennaio 2020 agli stessi costi. Gli orari di partenza sono al momento fissati per le ore 09:30, salvo variazioni.
Il servizio è rivolto agli studenti universitari di qualsiasi ateneo e ai lavoratori, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Ogni eventuale variazione, nata per ragioni organizzative, sarà preventivamente pubblicate sul sito aziendale.
Per qualsiasi informazioni sul servizio, oltre i contatti presenti sul sito AST, è possibile chiamare il numero dedicato 3283706029.
La prenotazione sul sito dell’azienda siciliana di trasporti è obbligatoria.

Per quanto riguarda la città di Napoli, gli autobus della linea siciliana partiranno dal terminal della Stazione Centrale. Sono iniziative “straordinarie”, nate dall’esigenza di molti che lasciano le loro case nella speranza di un futuro migliore.

Potrebbe anche interessarti