Turris-Budoni, parlano Esempio e Aliperta nel post gara: “Vogliamo solo la promozione”

Nel post gara di Turris Budoni hanno parlato Stefano Esempio e Domenico Aliperta.

La Turris prima della gara ha tributato ad Esempio, classe 99 che oggi ha raggiunto le 100 presenze in maglia corallina, una sorpresa. Palloncini e maglia celebrativa. Il difensore si è espresso così sul prestigioso traguardo: ” Ringrazio la società per la fiducia e la sorpresa che mi è stata fatta ad inizio gara, sospettavo qualcosa ma non mi sarei immaginato tutto questo. Sono orgoglioso di questo traguardo e ringrazio il mister perchè è con lui che ho raggiunto la mia consacrazione. Il nostro unico obbiettivo è quello di festeggiare la promozione in Lega Pro, è difficle ma noi lotteremo fino alla fine”.

La sorpresa fatta ad Esempio

Aliperta, autore di una splendida punizione che è valsa il gol del 2 a 1, ha risposto così alle domande dei giornalisti: “Il risultato di 6 a 1 è dilagante, ma durante il match viviamo dei momenti di difficoltà, come giusto che sia. I nostri avversari, che lottano per i loro obbiettivi, giocano con il massimo della foga cercando di battere la capolista. Per loro sarebbe un risultato di prestigio, ma noi siamo consapevoli di questo e scendiamo in campo sempre con la giusta cattiveria. Mantenere la concentrazione alta per 90 minuti non è semplice, a volte nelle prime frazioni andiamo in difficoltà, ma siamo bravi ad uscirne fuori grazie anche alla rosa lunga. In questa squadra nessuno si sente una riserva, siamo tutti al centro del progetto, è questo il nostro segreto”.

Un commento sull’inseguitrice: “Dietro l’Ostia corre e noi dobbiamo continuare così su questi ritmi per poter arrivare agli scontri diretti con un buon margine di vantaggio. Sette punti sembrano tanti, ma siamo consapevoli della forza dei nostri avversari. Inoltre nel mercato invernale si sono rinforzati quindi dobbiamo stare attenti fino alla fine”.

Sul gol realizzato: “Sono felice per il gol, avevo fatto una scommessa con i ragazzi. Ho cambiato le scarpette e avevo predetto la rete. Inoltre, sono venuti a vedermi alcuni ragazzi della scuola calcio di mio padre, quindi sono doppiamente felice che mi abbiano visto segnare”.

Il centrocampista corallino esprime la sua anche sul primato di unica squadra imbattuta in Italia: “Questo primato è soltanto un qualcosa in più. Il nostro unico obbiettivo è quello della promozione in Lega Pro. Se potessi mettere la firma per la promozione ma perdendo un paio di partite lo farei subito. Non ci interessano i record, vogliamo solo riportare questa squadra dove merita”.

Potrebbe anche interessarti