Coronavirus, il bollettino del 9 marzo: quasi 8000 contagi, i morti sono 463

Anche oggi, 9 marzo, si è tenuta la consueta conferenza stampa del capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, per aggiornare la nazione sulla situazione coronavirus in Italia.

Le persone attualmente positive sono 7985, ossia 1598 in più rispetto a ieri. I deceduti sono 463, ovvero 97 aggiuntivi rispetto al bollettino di ieri. Ci sono nuovi 102 guariti per un totale di 724. Tra i 7985 positivi:

– 3000 circa si trovano in isolamento domiciliare;
-4316 ricoverati con sintomi;
-10% dei ricoverati in terapia intensiva.

Classi di età dei deceduti: 1% nella fascia dai 50 ai 59 anni, 10% nella fascia dai 60 ai 69 anni, 31% nella fascia dai 70 ai 79 anni, 44% dagli 80 agli 89 anni, il 14% è costituito da ultranovantenni.

Il ministro Boccia ha riferito inoltre circa la riunione con i presidenti delle regioni. Si chiudono tutte le stazioni sciistiche dopo quanto avvenuto nei giorni scorsi, quando è stata diffusa una campagna pubblicitaria che invitava gli studenti, a casa per la chiusura delle scuole, a recarsi in montagna. Nel giro di pochissimo tempo su tutto il territorio nazionale avverrà l’omogeneizzazione delle regole.

In questo caos generale, sono molte le persone che non solo si recano – sbagliando – al pronto soccorso per farsi fare il tampone, ma soprattutto non conoscono i sintomi del coronavirus. È dunque opportuno fare chiarezza leggendo quali sono i sintomi, come si trasmette e come si previene il coronavirus.

Potrebbe anche interessarti