Video. Italiani in Cina: “Seguite le regole, è così che abbiamo sconfitto il virus”

italiani in cinaMentre l’Italia sta appena cominciando il periodo di quarantena necessario a fronteggiare l’emergenza coronavirus, arriva un appello dagli italiani che vivono in Cina. Un video pubblicato sulla pagina Facebook di Vincenzo De Luca raccoglie le loro testimonianze, e il loro invito a restare a casa per debellare l’epidemia come hanno fatto i cinesi.

Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come si previene

Il primo a parlare è Alberto, da Dalian City: “Per un mese e mezzo ho vissuto quello che voi state cominciando adesso a vivere. Io e altri italiani in varie parti della Cina abbiamo deciso di fare un video che potesse rincuorarvi, perché noi ce la stiamo facendo. E questo è dovuto al fatto che siamo stati alle regole.

Isolato per 18 giorni, il mio unico contatto umano è stato con l’uomo che veniva tre volte al giorno a disinfestarmi la camera e a misurarmi la febbre. Vi stanno asfissiando con le parole ‘state a casa’, e hanno ragione: state a casa, questo è l’unico modo per vincere il virus e noi ne siamo la prova vivente.

Spero che il 90% di voi ci sia già a casa. Il virus non è il principale dei problemi, il problema è il collasso ospedaliero. Perché quando arriverà qualcun altro con un infarto o un ictus non potrà essere curato, i posti letto saranno occupati. Noi abbiamo la fortuna di essere una democrazia. Dimostriamo di meritare questa democrazia”.

L’appello degli italiani in Cina continua con Pietro, che è in quarantena nella sua casa a Shangai “Sono stato fortunato, perché altri italiani sono stati messi in hotel predisposti alla quarantena. Qui in Cina ha funzionato, stanno riaprendo fabbriche, negozi, centri commerciali. Volendo si ritorna alla normalità“.

Da Pechino centro ci parla Nathalie: “Mi vedete fuori perché abbiamo ricominciato da poco una vita quasi normale. Dobbiamo avere tesserino per entrare nel compound, ci sono più controlli, ma in generale si sta riprendendo. Fate i bravi, mi raccomando.

Seguiamo queste regole con la consapevolezza che stiamo cercando di salvaguardare bene inestimabile la salute. E facciamolo con un sorriso”, ci dice Max da Schenzen. Un’altra ragazza che vive a Shangai, di nome Elisa, ci incoraggia: “Se prendiamo tutte queste precauzioni, tutti insieme, vinceremo il virus? Sì. Questo virus si combatte innanzitutto pensando agli altri“.

Potrebbe anche interessarti