San Giorgio a Cremano, il sindaco firma un’ordinanza con misure più restrittive: “Vietato sedersi su panchine o muri”

ordinanza san giorgio

Dopo il decesso di ieri per coronavirus di un cittadino di San Giorgio a Cremano, il sindaco Giorgio Zinno aveva annunciato misure più restrittive. Misure che non sono tardate ad arrivare. Il primo cittadino infatti ha comunicato su Facebook che ha firmato la nuova ordinanza.

Questo il contenuto con i nuovi divieti.

“Cari concittadini, come avevo preannunciato ieri sera ho firmato una nuova ordinanza che rende ancora più stringenti le regole di comportamento per evitare il contagio da Covid-19 sul nostro territorio. In particolare ho disposto:

-il divieto assoluto, fatte salve le situazioni di stretta necessità previste del DPCM 11 marzo 2020, di stazionamento pedonale su tutte le aree pubbliche;

il divieto assoluto di sedersi su tutte le panchine, muretti o altre diverse sedute presenti su qualsiasi spazio pubblico o aperto al pubblico;

– di consentire il passeggio con animali di compagnia, esclusivamente per le loro esigenze fisiologiche, non oltre la distanza di 200 metri dalla propria residenza o domicilio, evitando, in ogni caso, assembramenti e mantenendo comunque la distanza di almeno un metro tra le persone.

– di consentire ai cittadini che intendano acquistare, fuori dall’orario di apertura delle tabaccherie, sigarette o tabacco agli apparecchi automatici di distribuzione h24, di farlo esclusivamente presso il distributore più vicino alla propria residenza o domicilio;

– di vietare di tenere, all’interno o in prossimità dei locali per cui è consentita l’apertura, attrezzature (sedie, tavoli, sgabelli e simili) atte a consentire lo stazionamento ed il consumo sul posto dei prodotti venduti;

– di vietare la vendita di “gratta e vinci” in tutti gli esercizi titolati a venderli e a cui è consentita l’apertura;

Tutte le misure prese per limitare l’epidemia emanate con precedenti ordinanze sindacali sono confermate.
Stiamo elaborando una soluzione per contrastare coloro che ogni giorno scendono a fare la spesa, comprando anche solo pane e latte, eludendo la norma e mettendo a rischio la propria vita, quella dei parenti e dei vicini!
Ancora una volta ricordo a noi tutti sangiorgesi che solo se metteremo in campo comportamenti responsabili usciremo velocemente da questa crisi”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più