Santa Maria CV, partita la raccolta rifiuti per i contagiati: come funziona lo smaltimento

Raccolta rifiuti Covid-19In osservanza alle disposizioni dell’Istituto Superiore della Sanità, dal 20 marzo a Santa Maria Capua Vetere è partita la raccolta rifiuti ad hoc per tutti quei cittadini risultati positivi al Covid-19 e per quelli in isolamento forzato. La città risulta tra le più colpite della regione Campania con 21 casi accertati, di cui 3 deceduti e col maggior numero di contagiati in tutta la provincia di Caserta. La città capoluogo, infatti, ne conta solamente 12. Tutte le altre non toccano la doppia cifra.

Il servizio viene erogato dalla società DHI spa che gestisce la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti urbani nella città dell’Anfiteatro. «È stato fatto una grande lavoro di squadra e quindi come prima cosa voglio ringraziare la ditta che gestisce il servizio di igiene urbana nonché gli operatori impegnati nella pulizia e nella sanificazione delle strade che stanno dando ampia disponibilità e collaborazione», commenta l’Assessore  all’Ambiente Francesco Petrella. «La nostra amministrazione è stata tra le prime in Campania a rappresentare agli organi competenti la necessità di organizzare una procedura adeguata per il ritiro dei rifiuti presso i cittadini contagiati e/o in quarantena obbligatoria. Abbiamo già attivato il gestore del servizio di igiene urbana che ha provveduto alla consegna del kit ( carrellati, buste e nastro adesivo) a domicilio, provvedendo al ritiro dei rifiuti».

LEGGI ANCHE
Coronavirus, Conte: "Scuole e attività chiuse anche dopo il 3 aprile"

COME FUNZIONA IL SERVIZIO

Consegna KIT per il ritiro rifiuti (sacchi, nastro adesivo e contenitore) al domicilio della persona positiva in assistenza domiciliare. Il gestore eseguirà la raccolta dei rifiuti 2/3 volte a settimana. All’arrivo al domicilio l’operatore contatterà telefonicamente l’assistito invitandolo a esporre fuori dalla porta il contenitore con i rifiuti.
I rifiuti saranno conferiti e raccolti in maniera indifferenziata, senza adempiere agli obblighi di raccolta differenziata. I cittadini dovranno posizionare il contenitore con i rifiuti in un luogo in cui gli operatori possano accedere agevolmente. Il gestore DHI Spa manderà questi rifiuti direttamente a incenerimento senza alcun trattamento preliminare attivando dunque una serie di procedure mirate a preservare il personale incaricato da qualsiasi rischio di contagio.

«La nostra azienda insieme al Comune di Santa Maria Capua Vetere, ha trovato un iter adeguato per il ritiro dei rifiuti delle persone contagiate. Dalla prossima settimana il servizio sara’ esteso agli altri Comuni della provincia di Caserta dove gestiamo il servizio di igiene urbana, dal Comune di Curti, fino a quello di Mondragone dove presto subentreremo». dichiara l’account manager dell’azienda DHI Spa  Dott.ssa D’Aiello Miriam.

LEGGI ANCHE
Il coronavirus non ferma la Zeppola di San Giuseppe: "Zeppola Day quando tutto sarà finito"

Continua dicendo: «Il lavoro fatto è un lavoro di squadra tra amministrazioni e azienda ma dove gli operatori ecologici hanno un ruolo cruciale. Desidero infatti ringraziare il personale impegnato nella pulizia e nella igienizzazione delle strade, così come nella raccolta dei rifiuti, essi stanno dando prova di grande efficacia e spirito di collaborazione. Un plauso a loro che con dedizione e serietà contribuiscono a gestire questa emergenza per il bene dei cittadini e della collettività

 

Potrebbe anche interessarti