San Giorgio a Cremano. Emergenza Coronavirus: posti di blocco in tutta la città

“Posti di blocco all’ingresso e all’uscita della città. Pugno duro contro chi trasgredisce.” Queste le parole del Sindaco di San Giorgio a Cremano Giorgio Zinno, riportate sulla sua pagina Facebook, per contrastare i trasgressori delle norme previste per il Coronavirus.

Aggiunge ancora: “I controlli delle Forze dell’Ordine non si fermano. Polizia Municipale, Polizia di Stato e Carabinieri operano H 24 su tutto il territorio e da oggi posti di blocco sono stati posizionati anche nei vari punti di ingresso ed uscita dalla città.

La nostra Polizia Municipale sta effettuando controlli fino alle 24, vigilando anche su chi di notte rovista nella spazzatura, soprattutto nei giorni in cui si sversa la frazione indifferenziata. Denunciate due persone straniere, provenienti da Torre del Greco, sorprese a frugare tra i rifiuti nei pressi della stazione Circum.

Una scelta saggia quella di mettere più posti di blocco a San Giorgio a Cremano, che va a rafforzare altre manovre messe in atto in tutta la Campania. Tra queste l’arrivo dell’esercito, volto a garantire che tutti rispettino le regole previste e che nessuno entra o esca se non per i motivi strettamente necessari.

Tra le varie misure preventive messe in atto dal Sindaco Giorgio Zinno c’è inoltre quella di transennare gli uffici postali di via Bachelet e via Aldo Moro, in vista del ritiro delle pensioni che inizierà domani 26 marzo, “per assicurare la distanza di sicurezza e quindi evitare assembramenti”.

Come riporta il portale posteitaliane.it, per contrastare l’emergenza e la diffusione del Coronavirus, sarà possibile ritiare le pensioni di aprile 2020, seguendo necessariamente la turnazione alfabetica prevista dal calendario seguente:

I cognomi dalla A alla B giovedì 26 marzo
dalla C alla D venerdì 27 marzo
dalla E alla K la mattina di sabato 28 marzo
dalla L alla O lunedì 30 marzo
dalla P alla R martedì 31 marzo
dalla S alla Z mercoledì 1 aprile.

Tutti i dettagli sono riportati nel comunicato ufficiale di Poste Italiane.

Potrebbe anche interessarti