Jorit ritrae Ascierto: “Difendiamo e miglioriamo il Servizio sanitario pubblico nazionale”

Lo street artist napoletano Jorit Ciro Cerullo, conosciuto semplicemente con il nome Jorit, noto per le sue opere in cui ritrae volti di celebri artisti di fama mondiale o che hanno comunque fatto la differenza nel mondo attraverso le loro parole e le loro gesta, nella lotta interminabile tra Nord e Sud, in un momento di emergenza come questo che stiamo vivendo a causa dell’epidemia del Coronavirus, dove invece di restare uniti non si perde l’occasione per sopraffare l’altro anche quando è in gioco la vita di migliaia di persone, Jorit si schiera dalla parte di Napoli e in particolare dalla parte di Paolo Antonio Ascierto.

LEGGI ANCHE
Coronavirus a Napoli: 5 Unità Speciali faranno i tamponi a domicilio

Quest’ultimo, di cui si è parlato tanto negli ultimi giorni, è un ricercatore italiano e oncologo presso l’istituto Pascale di Napoli, noto per l’aver avviato la sperimentazione di un farmaco usato per la cura dell’artrite reumatoide, il tocilizumab, che sta dando buoni esiti e sta curando parte dei contagiati da Covid-19. Ma è anche noto per la polemica scatenatasi nel corso di una puntata del programma Cartabianca, in cui il dottor Ascierto è stato inspiegabilmente aggredito, senza aver avuta alcuna opportunità di rispondere, da un collega, il professor Massimo Galli dell’ospedale Sacco di Milano che ha praticamente negato ogni merito al Pascale di Napoli. Il servizio è stato poi ripreso in una puntata di Striscia La Notizia, che ha dipinto Ascierto come un imbroglione.

LEGGI ANCHE
Coronavirus. A Napoli il primo Covid-center in moduli prefabbricati: sfilata di tir e applausi dai balconi

Tutta Italia si è schierata dalla parte del medico napoletano e anche Jorit, motivo per cui gli dedica una nuova opera.

Il medico è ritratto coi segni sulla guancia della “Human Tribe”, tipico marchio di riconoscimento nei volti di Jorit.
Lo street artist napoletano ha pubblicato l’immagine di Ascierto nelle sue Stories di Instagram e Facebook, aggiungendo alcune parole nella descrizione della foto: Difendiamo e miglioriamo il Servizio sanitario pubblico nazionale.

Potrebbe anche interessarti