Coronavirus, De Magistris: “In tv battute su Napoli, ma al Nord metro e fabbriche piene”

Mentre tanti italiani per fortuna auspicano, in questi momenti così duri, un rinnovato spirito di unità nazionale, – ha dichiarato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris a Radio Crc e riportato da Repubblica – c’è invece chi continua con quella narrazione che conosciamo, a partire da alcune trasmissioni televisive nazionali che continuano a declinare quel folklorismo paludato sulla città di Napoli: come si comportano i napoletani nei vicoli, le battute sul professor Ascierto, mentre al Nord fino a due giorni fa le metropolitane e la fabbriche erano strapiene“.

Napoli invece, senza urlare – ha detto – ha adottato molte misure ancor prima di quelle restrittive del Governo. Abbiamo chiuso prima le scuole e i cantieri, abbiamo avviato la sanificazione delle strade. E’ chiaro che ora c’è un soccorso maggiore ad alcune realtà del Nord, ma è anche chiaro che noi ci faremo sentire sia adesso, per non aspettare che ci siano i morti a terra, sia dopo per avere un aiuto. Speriamo che questa tragica esperienza di questo maledetto virus serva a ritrovare l’Italia. Di fronte alla macelleria sociale e alla distruzione economica che il virus ha già prodotto, o ci uniamo come popolo e la smettiamo di fare divisioni, tra l’altro sempre discriminatorie nei confronti del Sud, o questo Paese ne uscirà talmente lacerato che altro che 100 giorni per uscire dalla crisi, ci vorranno 10 anni“.

Potrebbe anche interessarti