Wuhan, fine della quarantena: la città festeggia il ritorno alla normalità

Oggi è un giorno di festa per Wuhan: dopo 76 giorni, la quarantena è ufficialmente finita. Alla mezzanotte dell’8 aprile è scattato ufficialmente il termine delle misure di isolamento per la città cinese in cui è iniziata l’epidemia di Coronavirus.

Proprio da Wuhan, nella provincia di Hubei, è partita infatti la terribile infezione che di lì a poco si sarebbe trasformata in una pandemia. A quel punto, una città di 11 milioni di abitanti è stata completamente chiusa al mondo esterno. Niente spostamenti da o verso la città, le possibilità di muoversi al suo interno sono state sempre più limitate, fino ad impedire ai suoi abitanti di spostarsi anche con mezzi propri.

LEGGI ANCHE
Vendeva mascherine aumentando il prezzo del 6150%: sequestrata parafarmacia a Varcaturo

La quarantena a Wuhan è cominciata ufficialmente il 23 gennaio, ed è finita proprio oggi, mercoledì 8 aprile. La decisione di riaprire la città è stata presa dopo che, nelle scorse settimane, i casi di contagio in Cina e in particolare nell’Hubei erano gradualmente diminuiti. Per la prima volta infatti non sono stati registrati nuovi decessi a causa del virus.

Adesso, la città che è stata il primo focolaio dell’epidemia può gradualmente tornare alla normalità. Il trasporto pubblico ha ripreso a funzionare e i cittadini possono spostarsi da una città all’altra: tante le famiglie che possono nuovamente abbracciarsi dopo mesi di attesa. Al momento restano chiuse soltanto le scuole e le università, riguardo alle quali si attendono provvedimenti nelle prossime settimane.

LEGGI ANCHE
Coronavirus, sale il numero di morti: le 10 cose da sapere secondo gli scienziati

La fine del lockdown meritava però un degno festeggiamento. Così, come testimoniato da un video pubblicato su Twitter, Wuhan ha accolto la mezzanotte dell’8 aprile con giochi di luci, lanterne, e persino un countdown gigante dai grattacieli.

La prima zona colpita dal Coronavirus può finalmente dirsi libera dalla terribile epidemia. E così, seguendo l’esempio di Wuhan e rispettando le regole, anche noi potremo un giorno festeggiare la fine della quarantena.

Potrebbe anche interessarti