De Luca sulla sanità: “Qui abbiamo eccellenze mondiali, basta partenze verso il Nord”

Ricerca MedicaVincenzo De Luca, nella conferenza settimanale sull’epidemia di Coronavirus in Campania, aggiorna i cittadini su come la Regione sta affrontando l’emergenza. In particolare, De Luca si sofferma sulle eccellenze che esistono in Campania dal punto di vista sanitario, di cui possiamo dirci orgogliosi.

“La Regione Campania sta provvedendo ad acquistare il vaccino antinfluenzale”, comunica il presidente della Regione. “Sappiamo che si rischia di avere una guerra per l’accaparramento del vaccino, per cuo vogliamo partire in anticipo, per non trovarci a ottobre senza le scorte necessarie.

In tantissimi casi, infatti, le persone con influenza presenteranno la stessa sintomatologia del Coronavirus, e noi dobbiamo garantirci oggi il massimo contenimento del contagio, altrimenti a ottobre-novembre rischiamo di avere una situazione caotica e una valanga di pazienti che si riversano negli ospedali.

Riguardo alle vacanze di Pasqua, De Luca afferma: “Voglio ribadire che è vietato muoversi da casa. Faccio un appello per questo fine settimana: rimanere a casa è essenziale. Se ci rilassiamo ora, tra due settimane conteremo migliaia di nuovi contagi. In questi giorni i controlli saranno rigorosi, c’è timore di rientri dal Nord. Ci stiamo preparando alla fase 2, che comincerà probabilmente a fine aprile.

E sulle eccellenze in Campania sono queste le parole di De Luca: “Mentre negli ospedali del Nord si sono verificate situazioni drammatiche, qui al Sud abbiamo avuto una gestione attenta dell’emergenza. Noi adesso stiamo completando i test rapidi a tutto il personale sanitario degli ospedali. Lo facciamo per dare serenità al personale e per avere ospedali che garantiscono la tutela dei pazienti.

Questa è un’occasione per far capire a tutti che delle volte andiamo negli ospedali del Nord aspettandoci chissà cosa, e dimentichiamo che le eccellenze ce le abbiamo qui in Campania. Non c’è davvero nessun motivo per alimentare la mobilità passiva verso gli ospedali del Nord.

Abbiamo verificato sulla base dei fatti che qui abbiamo delle eccellenze mondiali: il Cotugno per le malattie infettive, il Pascale per le malattie oncologiche, e grandi strutture ospedaliere, come quelle di Caserta e Salerno. Questa epidemia deve convincere tutti i nostri concittadini che è arrivato il momento di bloccare questo fiume di partenze per il Nord: siamo più garantiti qui oggi“.

Potrebbe anche interessarti