Coronavirus, quarantena prolungata ma il 14 aprile aprono librerie, cartolerie e sanitarie

In conferenza su Facebook il presidente Giuseppe Conte ha annunciato la proroga di tutte le disposizioni in contrasto al coronavirus fino al 3 maggio. Gli italiani, dunque, dovranno continuare a restare in casa, mantenere la distanza sociale e tenere tutti quei comportanti atti alla non diffusione del contagio. L’emergenza, dicono dal comitato tecnico scientifico, accenna a diminuire ma è proprio questa la parte più critica: bisogna tenere alta la guardia per non vanificare tutto.

Il Presidente del Consiglio ha affermato, tuttavia, che dal 14 aprile alcune attività potranno aprire. Si tratta di cartolibrerie, librerie, negozi soprattutto per i neonati e per i bambini. È questa la risposta alle tante richieste, alle tante difficoltà segnalate: una riapertura “cum grano salis, con ponderazione”. Riapre anche qualche altra attività produttiva, come la silvicoltura, ossia il taglio dei boschi affinché ci sia rifornimento di legna da usare come combustibile, ed altre attività forestali.

Potrebbe anche interessarti