È ufficiale: annullata la Festa dei Gigli di Nola a causa del coronavirus

Annullata la Festa dei Gigli di Nola 2020. E’ una delle feste popolari più importanti della Campania, che richiama in paese moltissima gente. A fine giugno il comune campano di Nola ospita la celebre Festa dei Gigli in onore di San Paolino.

La leggenda narra che, nel V secolo, il vescovo donò se stesso e i suoi averi ai Visigoti per ottenere la libertà e l’affrancamento dei nolani. Al suo ritorno, gli abitanti lo accolsero con fiori di gigli a cui si deve oggi la nascita di questa Festa nominata, nel 2013 dall’Unesco, Patrimonio Orale e Immateriale dell’Umanità.

Quest’anno però causa coronavirus la festa è stata annullata ed è arrivato il comunicato ufficiale:

Si è fatto attendere, ma alla fine il temuto provvedimento è arrivato.

“All’esito della richiesta della Fondazione Festa dei Gigli pervenuta il 23.04.2020 prot.n19346, si è tenuto un incontro tra il sindaco di Nola e il Presidente della Fondazione per discutere e deliberare dei provvedimenti da adottare in merito alle sorti della Festa dei gigli edizione 2020, alla luce dell’emergenza da Covid-19.

“Ebbene, l’incontro si è concluso, sentito anche il parere del Vescovo di Nola, Mons Marino, con l’annullamento della festa dei gigli in onore di San Paolino per l’anno 2020. Un duro colpo per i nolani legatissimi alla loro festa e al loro santo.

“Purtroppo non poteva essere presa una decisione differente per via dell’emergenza nazionale da corona virus,emergenza che sta mettendo in ginocchio l’Italia dal mese di Febbraio.

“Il divieto di assembramenti disposto dal Governo nazionale ha comportato l ‘arresto dei campionati di calcio e di varie manifestazioni di alta rilevanza, tra queste l’ amata festa dei gigli che avrebbe dovuto svolgersi domenica 28 Giugno.

“Una decisione sofferta ma presa per tutelare l’ incolumità dei nolani e di tutti i turisti che in migliaia accorrono in città per assistere alla kermesse paoliniana.

“Con i decreti di Marzo u.s erano stato rinviate le rituali questue della corporazioni dei gigli e della barca le quali avrebbero dovuto tenersi alla fine del mese di Marzo, in piena emergenza sanitaria.L’amministrazione comunale di concerto con la fondazione festa dei gigli, con i maestri di festa e l’assessorato ai beni culturali hanno optato per il rinvio della kermesse in tempi miglior, ovvero al Giugno 2021.

“Il pericolo di contagio, sebbene il tasso di malati sia diminuito, non è stato ancora debellato ed una eventuale festa organizzata senza le dovute precauzioni avrebbe costituito una minaccia per l‘intera popolazione, data l ‘enorme mole di assembramento che la kermesse comporta.

“Vi è da precisare, inoltre, che il provvedimento ha previsto la proroga per i maestri di festa dell’anno 2020 a ricoprire tale ruolo anche per l’ anno venturo e di comunicare eventuali rinunce alle macchine da festa entro il 30 Maggio 2020 senza penali e anche senza giustificato motivo.

“Tenuto conto che la seconda fase di riapertura delle attività pubbliche e commerciali, seppur a piccoli passi e con le necessarie cautele, è avvenuta il 4 Maggio, le autorità hanno preferito rinviare il tutto all’ anno venturo, in un clima più disteso e migliore del presente costellato da migliaia di lutti che hanno colpito sia l’ Italia che la città di Nola. È recente, infatti, la dipartita per mano del coronavirus, di personaggi di spicco dell’area nolana.

“Per tali motivi, è stato annullato il Corteo storico degli Orsini organizzato ogni anno dalla famiglia Franzese in collaborazione con le scuole del territorio nolano.

“Nella speranza di vivere tempi migliori e di poterci riabbracciare tutti sotto ad un giglio festante, auguriamo un grande in bocca al lupo ai maestri di festa, veri protagonisti della kermesse in onore di San Paolino, auspicando loro di vivere la propria festa in maniera felice e serena”.

Potrebbe anche interessarti