Caffè, ecco l’ora migliore per prenderlo

Caffè

Secondo Steven Miller, neuroscienziato della Uniformed Services University of the Health Sciences, nel Maryland, il lasso di tempo più adatto a prendere il caffè sarebbe dalle 9.30 alle 11.30, un paio di ore dopo il risveglio.

Miller afferma infatti che circa due ore dopo essersi svegliati, calano i livelli dell’ormone dello stress (cortisolo), in modo tale da poter sfruttare a pieno le qualità della caffeina, la cui attività è al contrario resa vana se il caffè è bevuto da appena svegli, un momento in cui il cortisolo è al suo picco. Altro arco di tempo in cui è maggiormente consigliabile prendere un caffè è tra le 17.30 e le 18.30, per lo stesso motivo descritto sopra. Miller, inoltre, spiega che l’assunzione di caffeina quando il corpo non ne ha bisogno, ne provoca l’assuefazione provocando l’esigenza di bere sempre più caffè, sempre più forti. Infine, poiché i livelli di cortisolo mutano da persona a persona, gli orari cui ha fatto riferimento lo studioso potrebbero non essere valevoli per ognuno.

I Napoletani, per i quali il caffè è a dir poco un’istituzione, fermo restando il rispetto per Steven Miller e la sua autorevole analisi, quanto seguiranno i consigli dello studioso?

Potrebbe anche interessarti