Mappa dei contagi: Campania a basso rischio, si trova nel quadrante verde

L’aggiornamento regionale sul numero di positivi al Coronavirus della Campania di ieri, 27 maggio, ha mostrato il tasso più basso di contagiati mai registrato fin ora nella nostra regione dall’inizio dell’epidemia (+4 su un totale di 3.344 tamponi effettuati).

A proposito di ciò, la Fondazione GIMBE, la quale ha lo scopo di favorire la diffusione e l’applicazione delle migliori evidenze scientifiche con attività indipendenti di ricerca, formazione e informazione scientifica, ha creato un modello dinamico per “mappare” e monitorare l’evoluzione del contagio a livello regionale e provinciale.

contagiLa mappatura del contagio per quadranti adottata da GIMBE, si basa sulla “prevalenza” (casi totali per 100.000 abitanti) e sulla “densità” dei casi confermati nella popolazione di ogni zona presa in considerazione. La Campania si posiziona ancora una volta nel quadrante verde del grafico ovvero nel quadrante a basso rischio di contagio.

Una valutazione del genere, confermata anche dalle valutazioni della Protezione Civile, influenzerà sicuramente anche la definizione degli spostamenti che dal prossimo 3 giugno dovrebbero portare ad una parziale riapertura delle regioni considerate più sicure.

mappa dei contagiLe regioni che, insieme alla Campania, si trovano nel quadrante verde sono: Basilicata, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Abruzzo, Sicilia, Calabria, Sardegna e Puglia. Tutte le regioni dell’estremo Sud Italia, come si può notare, sono da considerare a basso rischio di contagio.

Per quanto riguarda la mappatura delle provincie di ogni regione, in Campania l’unica provincia posizionata nel quadrante verde è quella di Salerno mentre Napoli si trova in quello giallo. La zona più a rischio è quella della provincia di Avellino.

mappa dei contagi

Potrebbe anche interessarti