Giugno all’insegna della cultura: da mercoledì tour gratuiti per visitare le Ville Vesuviane

ville vesuviane tour

Dopo il lockdown, ripartono finalmente la cultura e il turismo in Campania. Da mercoledì 3 giugno e fino a fine mese si potranno visitare gratuitamente alcune bellezze della nostra Regione come Villa delle Ginestre e Villa Campolieto. Ad annunciarlo è Luigi Gallo, presidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati.

Queste le sue parole postate in un video sul suo profilo Facebook:

“Sembra incredibile, dopo tutto quello è accaduto in questi mesi, poter nuovamente immergerci nei nostri luoghi di bellezza. Nei nostri luoghi dell’anima. É quello che accadrà dal 3 giugno con la riapertura di villa delle Ginestre e villa Campolieto, un patrimonio simbolo di due città come Ercolano e Torre del Greco che rappresentano il cuore pulsante del distretto vesuviano. Il distretto delle grandi bellezze.

Per tutto il mese di giugno sarà possibile prenotare gratuitamente il proprio posto nei tour dedicati ai due siti a questo indirizzo: prenotazioni@villevesuviane.net o telefonando al 3409226748, così da poter accedere ai gruppi di visite mattutine o pomeridiane. Credo nel potere della cultura, credo nel potere della bellezza. Un popolo che conosce e ama le proprie radici è un popolo che rispetta la propria terra e la difende da chi, invece, vuole deturparla. E questo vale, a maggior ragione, per le giovani generazioni”. 

VILLA CAMPOLIETO – Villa Campolieto si trova a Corso Resina 283 a Ercolano. Un luogo storico dato che è una delle ville vesuviane situata lungo il miglio d’oro. Il progetto e l’esecuzione architettonica furono affidati a varie eminenti autorità, tra cui Mario Gioffredi, Michelangelo Giustiniani, Luigi Vanvitelli, Carlo Vanvitelli e Pietro Lionti.

VILLA DELLE GINESTRE – E’ una delle ville vesuviane più conosciute al mondo grazie a Giacomo Leopardi che vi trascorse l’ultima parte della sua vita e scrisse alcune opere che portano quel nome. Chiamata anche Carafa-Ferrigni, essa è situata sulla collina dei Camaldoli, nella frazione Leopardi del comune di Torre del Greco.

Potrebbe anche interessarti