Cura al plasma, De Donno: “Vogliono zittirmi. C’è la volonta di nascondere questa terapia, anche se non costa quasi nulla”

La cura al plasma, secondo Giuseppe De Donno, è stata volutamente snobbata. Il direttore della Pneumologia e dell’Unità di terapia intensiva, a Mantova, aveva evidenziato i benefici del trattamento.

“Io sono molto franco: c’era e c’è la volontà di nascondere questo trattamento. Se guardate i media si parla solo di vaccino, mentre il trattamento al plasma non costa quasi nulla.” – ha spiegato l’esperto, in collegamento con il liceo scientifico “Leonardo Da Vinci” di Maglie.

“Una certa parte politica, la mia audizione al Senato è chiara, ha cercato di zittirmi. Ma con me, in questo modo, ottieni l’effetto contrario.” – ha rivelato.

Il medico aveva fortemente appoggiato l’introduzione della cura al plasma per il trattamento dei pazienti affetti da Covid-19. Durante un suo intervento alla trasmissione Porta a Porta aveva dichiarato che tutti i malati curati con il siero al plasma iperimmune avevano ottenuto la guarigione.

“Sono morte 34mila persone ma i nostri risultati ci dicono che avremmo potuto salvarne almeno la metà.”- ha concluso.

L’intuizione di De Donno, dunque, stando alle sue parole, sembra esser stata oscurata. Al contrario, proseguono senza sosta le sperimentazioni sul vaccino contro il Coronavirus. In ciò l’oncologo napoletano, Ascierto avrà un ruolo fondamentale. Quest’ultimo aveva considerato interessante l’apporto della cura al plasma.

Potrebbe anche interessarti