Coronavirus, il gruppo sanguigno incide sulle probabilità di contagio: lo studio

ricercatoriScoperta una correlazione tra Coronavirus e gruppo sanguigno. I risultati di uno studio condotto dalla società di test genetici 23andMe hanno dimostrato che le probabilità di contrarre il Covid calano per le persone con gruppo sanguigno 0.

In tale esperimento, la 23andMe ha coinvolto circa 750.000 partecipanti. I ricercatori hanno cercato di scoprire se, in qualche modo, la genetica potesse influire sul rischio di ammalarsi di Covid. In particolare, gli studiosi si sono soffermati sui motivi per cui alcuni pazienti sviluppino gravi infezioni, mentre altri manifestano lievi sintomi.

Dallo studio, consultabile online, si legge: I dati sembrano fornire ulteriori prove dell’importanza del gruppo sanguigno di una persona nelle differenze nella suscettibilità al virus“. Il sangue di tipo 0, infatti, può rivelarsi una protezione contro il Coronavirus.

Dalla ricerca è emerso che le persone appartenenti a tale gruppo sanguigno hanno tra il 9% e il 18% di probabilità in meno di contrarre il Covid. In più, risultano essere meno vulnerabili a forme gravi della malattia.

Tali risultati sono validi se adeguati al sesso, all’età, all’indice di massa corporea, all’etnia e alle comorbilità. Inoltre, sono state avanzate delle ipotesi rispetto alla correlazione tra Covid, coagulazione del sangue e malattie cardiovascolari.

Adam Auton, capo ricercatore dello studio, ha consigliato di proseguire con cautela, sebbene i risultati della ricerca siano in linea con altre condotte nello stesso campo. Un’indagine condotta a Wuhan aveva messo in evidenza il minor rischio di contrarre il Covid delle persone con gruppo sanguigno 0, rispetto a quelli con sangue di tipo A.

Un altro studio, su pazienti italiani e spagnoli, aveva dimostrato che in presenza di pazienti con gruppo sanguigno A aumentava del 50% la necessità di servirsi di ventilatori polmonari. Confermato, dunque, il collegamento tra Covid e gruppo sanguigno. Intanto prosegue la sperimentazione del vaccino.

 

Potrebbe anche interessarti