De Magistris ricorda Falcone e Borsellino: “I miei eroi dai tempi dell’università”

de magistris falcone borsellino28 anni fa si consumava la terribile strage di Via D’Amelio, nella quale furono uccisi Paolo Borsellino e tutti i membri della sua scorta. Oggi anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ricorda due illustri personaggi in prima fila nella lotta alle mafie quali Falcone e Borsellino, definendoli i suoi fari e i suoi eroi.

28 anni fa pezzi di Stato, con una strage di Stato eseguita da mafiosi, uccisero il Procuratore Paolo Borsellino e cinque poliziotti della sua scorta: Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

“Paolo Borsellino aveva capito che lo Stato stava trattando con cosa nostra dopo la strage di Capaci in cui perse la vita il suo amico di sempre Giovanni Falcone”, scrive de Magistris. “Borsellino era il più pericoloso ostacolo alla trattativa.

Nel maggio di quell’anno consegnai gli scritti del concorso in magistratura, che poi superai. Per me Falcone e Borsellino sono stati fari, punti di riferimento, eroi dai tempi dell’università quando scelsi la passione della magistratura.

Ancora oggi quelle stragi inquinano la democrazia malata del nostro Paese. Ancora oggi una ragion di Stato criminale condiziona la libertà del popolo italiano. Per raggiungere la verità ci vogliono donne e uomini liberi, autonomi, preparati, coraggiosi. Al mio amico Salvatore #Borsellino un abbraccio da tutto il popolo napoletano. Fuori la mafia dallo Stato!“, conclude de Magistris.

Potrebbe anche interessarti