Napoli, il custode chiude prima e un gruppo di persone resta chiuso in Floridiana

Napoli – disavventura in Villa Floridiana per un gruppo di persone. Erano andate in villa per trascorrere la domenica pomeriggio, quando ad un certo punto si sono ritrovati i cancelli d’uscita chiusi senza motivo. Nell’orario indicato all’ingresso, infatti, non era segnalata una chiusura anticipata.

Sotto il sole e il caldo della prima domenica di agosto, questo gruppo ha aspettato che arrivasse la polizia municipale ad aprire i cancelli dal lato di Via Aniello Falcone e a”liberare i prigionieri”. A raccontare e documentare la vicenda è stata Valentina Brandi sul proprio profilo Facebook. Questo il primo messaggio che ha scritto mentre erano ancora bloccati in villa:

Passeggiata in Floridiana. Accesso da via Cimarosa regolarmente aperto. Ore 16.00, vorremmo uscire ma...CI HANNO CHIUSI DENTRO! Non c’è nessun avviso che indica una deroga agli orari di apertura e chiusura regolarmente comunicati, ma un cartello (che quando siamo entrati non c’era!) che comunica che l’unico ingresso aperto è a Via Aniello Falcone, che dista parecchio e che comunque a 40°, in salita, sotto al sole, con due passeggini ed una rampa di scale, non me lo faccio nemmeno se ad aspettarmi trovo Brad Pitt.
Ci sono 40°, bambini ed anziani che hanno sete. E sono già 20 minuti che aspettiamo…“.

Dopo un’ora sono arrivati i soccorsi. Da quanto racconta Valentina Brandi, un custode avrebbe aperto i cancelli e si sarebbe giustificato dicendo “Non c’è personale“: non una scusa adatta per chiudere i cancelli e non lasciare neanche un messaggio.

Tutto è bene quel che finisce, prima o poi! Dopo 50 minuti di paziente attesa, grazie al pronto intervento della Polizia Municipale del Vomero che è andata a prendere con la macchina di servizio il custode (ovunque fosse!) Ci Hanno liberato!!
Il custode si è giustificato dicendo che “non c’è personale”. Ma è evidente che quei pochi che ci sono non sanno neanche scrivere, visto che bastava solo scrivere l’orario di chiusura 😉
Adesso vediamo la Sopraintendenza che cosa ci racconterà!“: questo il messaggio finale di Valentina.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più