Napoli, caccia ai contrabbandieri di sigarette e spunta la distilleria clandestina

contrabbando

Napoli. 157 contrabbandieri denunciati e 3 quintali di sigarette sequestrati. È il bilancio dell’operazione Wrong Smoke condotta nelle ultime 48 ore dal comando regionale della Campania della guardia di Finanza che ha intensificato la lotta al contrabbando di sigarette, un fenomeno storicamente radicato ma che pareva estirpato dal territorio.

Secondo lee Fiamme Gialle, invece, è in preoccupante ripresa, specie nell’area napoletana, usata come piazza di transito che come luogo di destinazione.

Nel corso dell’operazione sono state impiegate un centinaio di pattuglie nelle aree dove è maggiore la vendita abusiva di sigarette di contrabbando. I finanzieri hanno setacciato l’intera regione, concentrando la loro attenzione in particolare sulla provincia di Napoli, sull’agro nocerino sarnese e sui comuni del Casertano a ridosso dell’hinterland napoletano.

Nella rete delle Fiamme gialle è finito, tra gli altri, un uomo di 55 anni di Poggiomarino che, oltre a detenere una decina di chili di sigarette di contrabbando, aveva impiantato anche un laboratorio per la distillazione abusiva di alcolici, dotato di 2 alambicchi, con cui aveva prodotto circa 200 litri di grappa

 

Fonte: Il Mattino

Potrebbe anche interessarti