Da Caiazzo la storia del medico che da 20 anni cura gratis i suoi pazienti!

medico

Queste sono le storie che vorremmo raccontare ogni giorno. Quelle belle, pulite, che non hanno a che fare con soldi, con il degrado e la corruzione. Storie di gente straordinaria che agisce solo per il bene degli altri. Il sito Casertanews.it racconta la storia del medico di Caiazzo che salva vite gratis e noi, la giriamo a voi!

Caiazzo- Un destino segnato nel cognome che porta. Medico Chirurgo, ottimo clinico, con vocazione, passione, dedizione e professione nel Dna. Umilissimo, riservato, sempre disponibile ad alleviare la sofferenza del prossimo. Medico protagonista di una storia da libro cuore che la tv nazionale voleva raccontare.

Al suo posto tanti suoi colleghi sarebbero corsi a piedi negli studi televisivi di Roma. Lui ha detto no. Chi scrive voleva raccontare la sua storia corredando l’articolo con delle foto. Niente foto, Nome e cognome idem, Sperato invano per dgtare le iniziali. Non ama apparire. Nato in una frazione di Caiazzo. Orfano di padre in età tenerissima, con il supporto del’amata mamma, frequenta brillantemente la scuola dell’obbligo, quella superiore, per poi approdare alla Facoltà di Medicina della Federico II° di Napoli. Il medico caiatino non è figlio di baroni della medicina, di santi in paradiso, neanche a parlarne.

Per meglio dire: Laurea sudata. Studiando, esame dopo esame. La sua missione comincia circa 40 anni fa, dopo la laurea ottenuta alla Federico II°. Subito in “trincea” , in corsia in un ospedale della provincia, per esercitare brillantemente la professione, svolgendo contemporaneamente attività ambulatoriale(come medico di famiglia) nella frazione che gli ha dato i natali.

Nel 1993(1° gennaio) una legge varata dal Ministero della Sanità (così si chiamava allora) stabilì che i medici di famiglia dovevano scegliere di lavorare presso strutture pubbliche, oppure operare come medico di base. Il medico caiatino scelse il pubblico, “lasciò” gli affezionatissimi convenzionati(smarriti e dispiaciuti, però, solo per qualche giorno), non abbandonati dal valente medico, che da 20 anni, ogni giorno, dopo il turno in ospedale, corre puntualmente al capezzale degli ex pazienti, residenti nella frazione.

Gratis e per amore degli abitanti del suo paese. All’inizio di quest’anno, per lui arrivata la meritata pensione. Ma, dopo qualche mese è piombato di nuovo in corsia, presso una nota clinica casertana, dove è responsabile hospice. Un reparto difficile che cerca di migliorare la qualità di vita. Prevalso ancora l’altruismo, e la infinita voglia di alleviare il dolore di chi sta veramente male.

E la cura per i residenti della frazione continua: ogni giorno, tornato dal lavoro, monta in macchina con destinazione le case degli affezionatissimi ex convenzionati. Una storia davvero straordinaria, fatta di tanto amore, carità, solidarietà ed umanità per il prossimo.

Dozzine di anni di operosità instancabile, secondo lo stile respirato in famiglia. Da sempre sensibile alla sofferenza altrui, ha ascoltato quell’insegnamento, impegnando senza sosta la vita intera.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più