Denuncia da Scafati: alunna bendata durante l’interrogazione in dad

scafati interrogazione bendataScafati – interrogazione bendata. Da Scafati, in provincia di Salerno, arriva una denuncia che ha dell’incredibile. Un episodio davvero grave che, se fosse verificato, porterebbe certamente delle conseguenze molto gravi.

Con la chiusura delle scuole si è passati alla dad (didattica a distanza), ma non tutti la userebbero in maniera corretta. Durante un’interrogazione un insegnante avrebbe imposto all’alunna di mettere una benda sugli occhi, per impedirle di copiare e leggere durante la verifica. Un’imposizione davvero estrema, che lederebbe alla libertà vigente sul nostro territorio e potrebbe costituire anche violenza psicologica su minore.

Covid Campania, il bollettino di oggi 29 ottobre

A denunciare l’accaduto è stato il consigliere comunale di Scafati, Mariano Jodice, – Presidente del Movimento Politico Campano Prima I Cittadini – che ha pubblicato la foto su Facebook accompagnata da un duro commento, in cui invoca l’intervento del preside dell’istituto in questione:

Persona degna di assoluta fede ha sottoposto alla mia attenzione questa foto.
La protagonista una liceale di Scafati ( Sa) che sta affrontando un’ interrogazione in DAD bendata. Spero che il dirigente del Liceo in questione intervenga per mettere fine a tali azioni vergognose e lesive per il benessere psico fisico di minori“.

 

Persona degna di assoluta fede ha sottoposto alla mia attenzione questa foto.
La protagonista una liceale di Scafati (…

Pubblicato da Mariano Jodice su Giovedì 29 ottobre 2020

La dad sarebbe un ottimo strumento se utilizzato nel miglior modo possibile e ci sarebbero altri metodi per capire se un alunno stia copiando o meno, arrivare a far indossare una benda è davvero esagerato.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più