Pediatri d’accordo sulla chiusura delle scuole in Campania: “Sono aggregatori sociali”

bimba disabile primo giorno di scolaIn Campania le scuole resteranno chiuse e si proseguirà con la Dad a causa dei tanti contagi registrati negli ultimi giorni. La Federazione Medici Pediatri si schiera a favore di questa decisione.

In questi ultimi giorni i contagi da Coronavirus continuano ad aumentare, così come le numerose restrizioni. Tra i più penalizzati ci sono sicuramente gli studenti più giovani, che con la didattica a distanza hanno perso il vero senso della scuola.

Il contatto con gli insegnanti e quello con gli alunni infatti fanno parte del processo di crescita, soprattutto per gli studenti della scuola primaria. La scuola non rappresenta solo la mera istruzione ma è anche crescita personale e sociale che in questi mesi però sta venendo meno.

Ma i numeri del virus fanno davvero paura e allora sembra inevitabile la chiusura degli istituti nella Regione Campania. Anche il vice presidente nazionale della Federazione Medici pediatri, Antonio D’Avino è d’accordo con questa decisione. Secondo il medico infatti la scuola è pur sempre un aggregatore sociale e il contagio può avvenire sia dentro che fuori le aule.

Queste le parole di Antonio D’Avino sulle scuole chiuse in Campania: “La scuola è un aggregatore sociale e, pur prendendo atto del numero limitato di contagi che può avvenire all’interno delle classi, dobbiamo tener presente il rischio che il contagio avvenga all’esterno dei plessi.”

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più