Maradona, il pianto disperato di Lapo Elkann: “Ha vissuto le mie stesse sofferenze. Mi rivedo in lui”

Lapo Elkann, celebre tifoso bianconero nonché membro della famiglia Agnelli, ha accolto tragicamente la notizia della morte di Maradona. In collegamento con “Storie Italiane”, in onda su Rai 1, si è lasciato andare a un pianto disperato.

Ha detto: “Sono molto triste umanamente. Diego era un uomo dal cuore d’oro, un uomo particolare che ha sofferto tanto fino all’ultimo giorno. Questa sofferenza è enorme perché il successo, la fama, le vittorie non potevano eliminare il dolore interiore che lui aveva dentro di sé e che ha combattuto come tanti altri.”

“Ha combattuto la povertà, le dipendenze. Era un guerriero del bene come ha detto il suo avvocato. Purtroppo alcune difficoltà che lui ha vissuto, e che ho vissuto anche io, lo hanno portato a soffrire più di altri. A volte per curare queste sofferenze lui, come me e tanti altri, ha usato cose che ci hanno fatto ancora più male. Diego umanamente, oltre che professionalmente, è un uomo unico, un amico eccezionale.”

“Una cosa che mi riempie il cuore è che lui considerava Fidel Castro un padre. Sono morti lo stesso giorno e probabilmente lassù nei cieli Fidel lo supporterà. Diego merita tutto l’amore del mondo da parte di tutti, è un angelo. Spesso mi hanno messo a confronto con lui per le dipendenze che io avevo. Io mi rivedo in lui.”

“Diego per me è un’icona, il calciatore che ho amato più di tutti. Questo non farà piacere a tanti juventini ma non me ne frega niente. Lui è stato anche usato, sfruttato e non aiutato.”

“Ricordo quando ha battuto la Juve 6 a 1. Nessuno giocava come lui e mai nessuno giocherà come lui. Poi ricordo quando si è sposato: l’amore, l’affetto, la gentilezza e il cuore che lui aveva. Lo chiamavano il Pibe De Oro proprio per l’amore che aveva dentro di sé ed era in grado di portare verso gli altri. Era sempre pronto ad aiutare i più deboli e questa è una cosa che mi unisce a Diego. Solo così possiamo rendere il mondo un posto migliore. Un insegnamento che lui ha dato all’umanità.”

“Io ieri ho pianto come un bambino, è come se avessi perso un fratellone. Molte cose vissute da lui sono cose che rivedo nella mia vita e che ho vissuto anche io. L’amore e il rispetto per lui è incommensurabile per l’essere umano che lui è e sarà.”

Anche ieri Lapo Elkann è intervenuto sul suo profilo Twitter per ricordare Maradona: “Sul web vedevo spesso la mia foto con lui. Era per prenderci in giro per le nostre dipendenze. Loro però non sapevano che io ero onorato di stare vicino a Diego perché era un vero amico. Mi manchi già leggenda dal cuore d’oro. Sei e rimarrai il mio numero uno.”

Potrebbe anche interessarti