Mappa del crimine Istat: Napoli in testa per i furti di smartphone

smartphone

Secondo la mappa del crimine, realizzata dall’Istat in base a tutti i reati denunciati dalla polizia all’autorità giudiziaria nell’anno 2012, Napoli risulta prima in quasi tutte le classifiche dei reati, soprattutto per quanto riguarda le rapine.

Come riferisce Il Mattino, in rapporto ai 100mila abitanti di Napoli e provincia, il tasso calcolato è di 350 rispetto ai 276 di Milano e i 131 di Roma ed inoltre le rapine commesse nel nostro territorio avvengono nell’80% dei casi in strada.

L’Istat, nello studio sulle rapine, considera soprattutto gli smartphone, gli iPad e gli iPhone che risultano essere i bottini più appetibili dai criminali, in quanto in questo calcolo non sono compresi il furto di denaro e altri beni. Ad esempio il sito “Mediabias” ha fatto un calcolo minuzioso sulle rapine di smartphone e sono risultate 2637 denunce su suolo pubblico solo nel 2012. Questa cifra si riferisce dunque al numero di cellulari sottratti ai loro proprietari e moltiplicandolo per il costo medio di uno smartphone (circa 400 euro), si deduce che i rapinatori hanno guadagnato oltre un milione di euro solo nel 2012.

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti