Natale, Walter Ricciardi: “Lockdown totale? Se si continua così assolutamente sì”

Walter Ricciardi, consulente del Ministro della Salute, in onda su ‘Agorà’, è intervenuto nuovamente sulla questione Coronavirus, non escludendo la necessità di indire un nuovo lockdown.

Queste le sue parole: “Come tutte le malattie infettive i casi notificati sono soltanto una parte. Nella prima parte dell’epidemia l’indagine evidenziò che c’erano sei casi non notificati per ogni caso segnalato. Oggi non siamo a quel livello ma sono perlomeno il doppio se non il triplo. Questo significa che quel 5% preme in maniera insopportabile sugli ospedali.”

“Poi c’è un dato inequivocabile che è quello relativo ai morti che crescono in una maniera impressionante. Questo nessun paese se lo può permettere. In questa seconda ondata ne contiamo già 25.000, se continuiamo così arriveremo a 40.000 morti tra gennaio e febbraio.”

Sull’ipotesi di seguire il modello Merkel avviando nuovamente un lockdown generalizzato ha detto: “Se si continua così assolutamente sì, dobbiamo valutare un lockdown.

“Tra l’altro è stato provato da uno studio che ha analizzato l’esperienza comparata di 147 paesi. Si è visto che in presenza di sole raccomandazioni la natura umana porta a fare quello che è consentito riducendo il contagio solo del 3%. Così non riusciremo ad appiattire la curva epidemica. Il lockdown, invece, la riduce del 15%.”

Sulla stessa scia anche il virologo Fabrizio Pregliasco, intervenuto ieri a ‘L’aria che tira’ su La7: “Molto meglio la Merkel che decide in maniera lineare di chiudere tutto in un periodo che diventa a rischio.”

Dunque, stando al parere degli esperti sembrerebbero non del tutto efficaci le misure restrittive varate dal Governo. Per frenare il contagio servirebbero provvedimenti più rigidi che, secondo Walter Ricciardi e Fabrizio Pregliasco, potrebbero essere adottati con l’emanazione di un nuovo lockdown.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più