Vaccino Pfizer, due reazioni avverse a dieci minuti dall’iniezione: donna in shock anafilattico

Due operatori sanitari, a seguito della somministrazione del vaccino Pfizer-Biontech, hanno sviluppato reazioni avverse. A renderlo noto è il New York Times che cita fonti sanitarie del Barlett Regional Hospital di Juneau, in Alaska.

Pfizer-Biontech, segnalate due reazioni avverse

Proprio lì, infatti, i due prestano servizio. La prima è una donna di mezza età che prima d’ora non aveva mai sviluppato reazioni allergiche. Dieci minuti dopo l’iniezione ha avuto uno shock anafilattico. Sono comparse macchie cutanee su viso e busto, oltre a mancanza di respiro e battito accelerato. Per la donna si è reso necessario il ricovero in quanto tali sintomi, nonostante le cure mediche, continuavano a riemergere.

Anche il secondo operatore ha sviluppato una serie di sintomi dieci minuti dopo la somministrazione della dose. Ha sviluppato gonfiore agli occhi, vertigini e gola irritata. Per lui non si è trattato di anafilassi. Nel giro di un’ora, infatti, i sintomi sono scomparsi ed è stato rilasciato dall’ospedale.

L’ospedale ha deciso di rendere noti tali episodi per finalità di trasparenza ma non intende fare un passo indietro sulla base di generalizzazioni affrettate. Non interromperanno, dunque, il loro piano vaccinale. I due operatori sanitari, tra l’altro, attualmente sono entrambi in buone condizioni.

Sebbene il vaccino Pfizer-Biontech abbia dimostrato di essere sicuro al 95%, gli episodi riguardanti le possibili reazioni avverse, scoraggiano ancor di più la popolazione, timorosa di eventuali effetti collaterali. La maggior parte degli esperti, tuttavia, tranquillizzano il pubblico in quanto si tratterebbe di sintomi che vanno via nel giro di poco tempo. Nulla di paragonabile alla brutalità e al tasso di mortalità legato all’insorgenza del covid.

Potrebbe anche interessarti