Campania verso la zona gialla: è tra le 4 regioni a basso rischio

Nel corso della conferenza stampa tenutasi oggi, 18 dicembre 2020, il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, ha reso noti i dati del consueto monitoraggio regionale covid-19: la Campania è tra le uniche quattro regioni a basso rischio e si avvia così a diventare zona gialla.

Sul numero di casi registrati in Italia ha detto: “La decrescita riguarda quasi tutte le regioni, tranne alcune che, al contrario, hanno registrato una crescita. Nel nostro Paese il numero è in decrescita ma è ancora molto alto. Siamo ancora lontani dalla soglia di sicurezza.”

“Ci sono regioni dove l’incidenza si sta avvicinando a questa soglia di sicurezza e regioni che hanno ancora un lungo percorso davanti per raggiungerla. Il dato che voglio rimarcare è il grande impegno delle Regioni, anche quelle che avevano accumulato dei ritardi e delle difficoltà nel raccogliere i dati stanno nettamente migliorando.”

Monitoraggio, Campania a basso rischio

Stando ai dati del monitoraggio, pare che la Campania sia fuori dal rischio elevato attestandosi, insieme a Basilicata, Calabria e Sicilia, nella zona a basso rischio. Anche l’indicatore che valuta l’impatto sui servizi, in particolare quelli sanitari, rivela una criticità bassa.

La classificazione complessiva del rischio è moderata o moderata con rischio di evoluzione per la maggior parte delle Regioni. Tre sono quelle a rischio elevato, quattro quelle a rischio basso (compresa la Campania). Il Molise, invece, si configura nella zona di minor criticità ma con alto rischio di progressione.

Intanto, l’indice Rt è in leggero rialzo, cosa che ha spinto il Ministro della Salute, Roberto Speranza, a schierarsi verso la decisione di dichiarare tutta Italia zona rossa. La decisione ufficiale arriverà nelle prossime ore.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più