Uniti nell’emergenza: barella di bio-contenimento e sanificatore donati al Cardarelli

In piena emergenza covid sono quanto mai importanti i gesti di solidarietà. Da questo punto di vista sono stati esemplari i dirigenti Fiat, che hanno donato al Cardarelli di Napoli una barella di bio-contenimento e un sanificatore portatile.

Un gesto di grande generosità e un sostegno concreto al lavoro che la nostra azienda ospedaliera porta avanti con dedizione, professionalità e impegno“. Con queste parole il direttore generale del Cardarelli di Napoli ha voluto ringraziare l’associazione Gruppo Dirigenti Fiat, che ha donato all’Azienda ospedaliera due strumenti preziosi nella lotta al Covid-19.

E proprio alla presenza del direttore generale Giuseppe Longo e dell’ingegner Aldo Maggiore, responsabile della Sede di Napoli-Area Sud del Gruppo Dirigenti Fiat, oggi hanno “preso servizio” le attrezzature donate. Questo il commento dell’ingegner Maggiore:

Con questa iniziativa che si aggiunge ad analoghe sul territorio nazionale, manifestiamo in modo concreto il nostro desiderio di essere al fianco di chi combatte per noi in prima linea e di sostegno ai cittadini che, loro malgrado, sono colpiti dal virus”.

La barella di bio-contenimento è una speciale barella che si basa sul principio della pressione negativa (lo stesso utilizzato per i reparti Covid dedicati). “La barella – sottolinea il direttore sanitario Giuseppe Russo – verrà impiegata per lo spostamento di pazienti Covid in condizioni di sicurezza all’interno della struttura ospedaliera, per tutte le necessità legate a esami clinici e trasferimenti in altri reparti”.

Il Gruppo Dirigenti Fiat, che ha donato al Cardarelli la barella di bio-contenimento e il sanificatore, è un’associazione professionale che riunisce dirigenti appartenenti ai gruppi FCA e CNH Industrial, con sede a Torino e diverse sedi secondarie distribuite sul territorio nazionale.

La generosità mostrata in quest’ultimo periodo nei confronti degli ospedali partenopei è un’arma importante della lotta contro il coronavirus. Basti pensare che il Primo Policlinico di Napoli ha potuto acquistare una nuova TAC per pazienti covid grazie alla raccolta fondi che ha lanciato.

Potrebbe anche interessarti