Zona rossa, 100 taxi bloccano le vie di Napoli: da un anno senza lavoro né aiuti

Da oggi la Campania è ufficialmente in zona rossa, situazione che penalizzerà ancor di più alcune categorie di lavoratori, compresi i tassisti che proprio in queste ultime ore hanno avviato una protesta per le vie di Napoli.

Zona rossa, tassisti in protesta a Napoli

Ormai da un anno, le perdite economiche, conseguenti a ripetute chiusure e limitazioni, continuano a farsi sentire in ogni settore. Alcuni di questi, in particolare, lamentano l’arrivo di sostegni promessi e mai arrivati, proprio come nel caso dei tassisti scesi in strada per far sentire la propria voce.

Sono circa 100 i taxi che, dalle prime ore del mattino, stanno transitando a passo d’uomo, partendo da Capodichino per poi dirigersi verso il Comune di Napoli, in Piazza Municipio, e la Regione Campania, in via Santa Lucia, passando per il Corso Umberto.

Le immagini, riprese da ‘Video Informazioni’ e ‘Si comunicazione’, mostrano file di auto e uomini disperati che danno voce alla rivolta tramite il suono dei clacson. Sono stremati dopo aver trascorso un anno in cui gli spostamenti si sono ridotti drasticamente così come l’afflusso dei turisti. Nonostante ciò lamentano di essere ancora in attesa dei ristori promessi ma che non hanno mai ricevuto.

Con il passaggio in zona rossa dell’intera Regione e spostamenti ridotti al minimo la situazione dell’intero comparto rischia di ricevere il colpo di grazia. Di qui la volontà di rivendicare qualche forma di aiuto recandosi presso le sedi istituzionali della città.

Potrebbe anche interessarti