Napoli, rinvenuta un’antica reliquia di Sant’Antonio Abate: esposta all’adorazione dei fedeli

A Napoli è stata ritrovata un’antica reliquia di Sant’Antonio Abate, nel corso del restauro dell’abbazia a lui dedicata. Nella giornata di domenica, 21 marzo 2021, sarà esposta al culto dei fedeli.

Napoli, ritrovata reliquia di Sant’Antonio Abate

Come reso noto da Pietro Funaro nel corso dei lavori di restauro della chiesa, il parroco Don Mario D’Orlando ha rinvenuto una reliquia del Santo, conservata dal Cardinale Cantelmo e donata nel 1698 all’antica abbazia. Un reperto storico, dal grande valore religioso, che versa in perfette condizioni.

La reliquia sarà custodita all’interno della cappella nell’altare dedicato a Sant’Antonio Abate. Quest’ultima è stata da poco ristrutturata così come la Cappella dei Cavalieri Costantiniani situata di fronte, dedicata al Principe Ferdinando di Borbone delle Due Sicilie.

Un ritrovamento che lega ancor di più il Santo ai fedeli e ai cittadini del trafficato borgo napoletano che prende il suo nome, meglio conosciuto come ”’o buvero”. Tra gli svariati miracoli attribuiti a Sant’Antonio spicca la guarigione dall’herpes (detto non a caso “fuoco di Sant’Antonio”) col grasso di maiale.

Quello stesso popolo a lui devoto potrà assistere all’esposizione della reliquia nel giorno che sancisce l’arrivo della primavera. Nel corso della Santa Messa di domenica 21 marzo, infatti, alle ore 12:00 sarà inaugurata la Cappella dedicata a Sant’Antonio Abate nell’omonima chiesa di Piazza Carlo Terzo. I fedeli potranno partecipare alla cerimonia.

Potrebbe anche interessarti