Capodichino, nuovo centro vaccinale. Parla Lettieri: “De Luca ne è entusiasta”

 

gesac cassa integrazione aeroporto

Nasce il quinto centro vaccinale a Napoli, precisamente a Capodichino, dopo quello della Mostra d’Oltremare, della stazione Garibaldi, del Museo Madre e di Capodimonte. La società Atitech lo ha messo a disposizione per la comunità, sarà di circa 10.000 mq e potrà inoculare 6.000 dosi al giorno in 30 box vaccinali.

Dopo la mensa per i bisognosi che sarà stabile ecco l’idea come è stato fatto in America”. Lo ha detto il Presidente di Atitech, Gianni Lettieri, alla trasmissione Barba&Capelli condotta da Corrado Gabriele su Radio Crc Targato Italia e in onda dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 9.

Lettieri ha anche spiegato la realizzazione del centro vaccinale di Capodichino. “Abbiamo pulito un hangar e lo abbiamo messo a disposizione della Regione. Circa 12mila metri quadri e un parcheggio, per 100 dipendenti dell’Asl e davanti 8mila metri quadri per chi si deve vaccinare. Feci questa proposta al presidente De Luca che fu entusiasta”.

Infine Lettieri ha rivolto un appello sulla pandemia: “Bisogna avere pazienza, siamo quasi alla fine e bene ha fatto De Luca a comprare 3 milioni di vaccini di Sputnik. L’Ue si è mossa tardi e male, la Regione presto e bene. Appena sarà autorizzato avremo 3 milioni di dosi. Per uno come me abituato a viaggiare è desolante vedere gli aeroporti vuoti ma, bisogna essere resilienti”.

Potrebbe anche interessarti