Assembramenti per la zuppa di cozze, nessuna chiusura e multa per ‘A figlia d’’o Marenaro: “Siamo aperti”

figlia marenaro

Nessuna chiusura per la ‘A figlia d’’o Marenaro. Lo storico ristorante di pesce di Via Foria a Napoli smentisce categoricamente quanto trapelato su alcuni media. Continuano quindi le consegne a domicilio e l’asporto, di zuppa di cozze e non, per questi giorni pasquali.

Noi ora siamo aperti e si svolge servizio normale di delivery e asporto, sempre nel rispetto degli orari consentiti. Era girata una voce non veritiera“.

La confusione si è generata dopo che l’Ansa ha comunicato che nella tarda serata di ieri nel centro di Napoli si era avuto un massiccio intervento delle forze dell’ordine, con il coinvolgimento di diverse volanti di carabinieri, polizia di Stato e polizia municipale, a causa di assembramenti nei pressi di un noto ristorante. Assembramenti dovuti alle persone in fila anche dopo le 23 per ritirare la zuppa di cozze. Dure erano state le parole del comandante della Municipale, generale Ciro Esposito:

“Per i gestori del locale che vendevano da asporto oltre l’orario consentito scatterà la multa e un periodo di chiusura dell’attività”.

In molti hanno associato questa notizia a quanto accaduto fuori ‘A figlia d’’o Marenaro dove è accorsa la Polizia per disperdere la folla in fila dopo il coprifuoco delle 22. Ma come spiegato dal ristorante:

“Non era specificato in quelle dichiarazioni dell’Ansa quali ristoranti vendevano oltre l’orario di asporto. E’ accaduto un fatto simile a noi ma non è vero che siamo chiusi e siamo stati multati. Le forze dell’ordine hanno cercato di capire la situazione e hanno notato che c’erano persone che protestavano perché era finito l’orario di asporto ma loro non erano riusciti a ritirare la zuppa di cozze. C’è stato un assembramento in questo senso, c’erano diversi locali tra ristoranti di pesce e anche salumerie che vendevano zuppa di cozze quindi molte persone si sono ritrovate per strada. Noi ora siamo regolarmente aperti. La titolare è stata anche chiamata in Caserma per spiegare quanto accaduto ma non è scattata nessuna sanzione né le hanno comunicato che il ristorante sarà chiuso. Anche ieri sera quando sono intervenuti non ci hanno chiuso, abbiamo continuato a fare consegne a domicilio”.

Il ristorante ha anche spiegato sulla propria pagina Facebook quanto accaduto.

È oltre un anno ormai che viviamo una situazione “fuori dal normale”. Il nostro desiderio è sempre stato quello di…

Pubblicato da ‘a Figlia d’’o Marenaro su Venerdì 2 aprile 2021

 

Potrebbe anche interessarti